mercoledì 15 febbraio 2012

Nosferatu - Il Vampiro

Dopo tutto era un film che, arrivato a 21 anni, non potevo evitare di vedere. Appassionato di cinema e soprattutto di cinema horror quale sono, ancora più in specifico di vampiri, la visione di questo vero capostipite e pioniere del genere non potevo rimandarla ulteriormente. Murnau riesce a creare, con i pochissimi strumenti disponibili all'epoca (parliamo del 1922) un film che rimarrà, anche per puro caso, nell'immaginario collettivo e vi rimane tuttora.


Per puro caso, perchè? Come sapete il film è "liberamente" ispirato al romanzo "Dracula" di Bram Stoker. Liberamente mica tanto, è una vera e propria trasposizione, solo che per motivi dovuti ai diritti d'autore Murnau ha dovuto modificare i nomi dei personaggi. Così il conte Dracula diventa Orlok, Peter Hawkins diventa Thomas Hutter e Mina diventa Ellen. Ma ciò ovviamente non bastò, infatti la vedova di Bram Stoker intentò una causa per violazione dei diritti d'autore, la vinse, e il tribunale ordinò che tutte le pellicole esistenti del film venissero bruciate. Se ne salvò clandestinamente una, quella destinata ad arrivare fino ai giorni nostri. Ribadisco, per fortuna.


Cimentarsi con un film del genere dunque non è certo una cosa facile. E' stata anche la prima volta in cui mi sono cimentato con il cinema muto in cui è solo la colonna sonora a farla da padrone. Colonna sonora, appunto. Composta probabilmente con un solo pianoforte, molto ripetitiva (in un'ora di pellicola saranno probabilmente quattro o cinque le musiche che si ripetono ciclicamente) che ti dà anche molta molta angoscia.


E poi c'è Nosferatu, interpretato da Max Shreck, il bruttissimo conte Orlok. Molto belle e suggestive sono le inquadrature in cui lui è protagonista, dal momento in cui si solleva dalla bara, alla famosissima ombra sul muro, per la quale il protagonista non viene appositamente inquadrato, per dare l'illusione che ci sia solamente un'ombra senza corpo che la determini.


Molte sono le leggende che si sono formate intorno alla realizzazione del film. Dall'ipotesi secondo cui Murnau si fosse recato nei Carpazi prima di girare il film per cercare un vero vampiro per interpretare Orlok, al fatto che dietro le vesti del conte Orlok in realtà si celasse lo stesso Murnau, fino ad arrivare ad un film girato nel 2000 che cavalca l'ipotesi secondo cui lo stesso Max Shreck fosse un vero vampiro.


Insomma un film leggendario, che deve molto del suo successo anche a questo, oltre appunto alla miriade di immagini che ormai sono diventate di culto tra gli appassionati.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...