sabato 24 marzo 2012

Machete

[caption id="" align="alignright" width="343" caption="Machete si presenta allo scontro completamente disarmato."][/caption]

Cito l'amico che mi ha porposto la visione di questo film dicendovi: "Questo è il film definitivo: c'è l'azione, c'è il sangue, c'è la commedia, c'è lo splatter, c'è la gnocca, c'è la storia d'amore, c'è il messaggio politico e... c'è Steven Seagal!". Quindi non si può fare altro che partire sotto grandi, grandissime aspettative, sapendo già che quello che ti sta avvicinando a vedere sarà una tamarrata assurda, ma una tamarrata di livello impareggiabile. Già, perchè il cast è decisamente stellare innanzitutto: Robert De Niro, Jessica Alba, Lindsay Lohan (che ci regalano entrambe una scena di nudo a testa, sputiamoci sopra...), Don Johnson (Nash Bridges ve lo ricordate?), Jeff Fahey (Frank Lapidus in Lost), Michelle Rodriguez, il già citato Steven Seagal e il protagonistissimo Danny Trejo ("C'era una volta in Messico" e "Dal tramonto all'alba").


La trama in breve: Machete, ex agente federale a cui è stata uccisa la moglie durante la sua ultima missione, viene assoldato da Michael Booth, una specie di consigliere del senatore del Texas McLaughlin, per fare un attentato al senatore. L'attentato si rivelerà un piano malefico per far aumentare i voti e far costruire una recinzione sul confine tra Texas e Messico, per impedire ai messicani di entrare nello Stato.


In tutto questo, come vi dicevo, c'è molta azione, volutamente rappresentata in maniera talvolta irreale, con armi improbabili e quant'altro. Danny Trejo offre una prestazione sul set veramente convincente, entrando alla perfezione nel personaggio. Il suo volto quasi inespressivo inoltre lo aiuta nel dire le sue pochissime, apatiche ma esilaranti battute. "Machete non manda messaggi" penso sia la frase che vince su tutte. Ovviamente si smentirà, inviando un messaggio con scritto "Hai rotto le palle al messicano sbagliato". Tutti i personaggi al di fuori di Machete e dei suoi alleati, hanno l'unica funzione di morire, in qualche modo. Persino il fratello, padre Cortez, viene crocifisso all'interno della sua Chiesa da degli scagnozzi mandati da Booth.


Altra cosa su cui il film vince è la gnocca e il ruolo che assume all'interno della pellicola. Fondamentalmente servono a fare scene di nudo, come Jessica Alba, Lindsay Lohan e l'attrice che interpreta sua madre, o ad andare a letto con Machete, il tutto per amplificare la creazione e la mitizzazione del personaggio. Menzione d'onore per Michelle Rodriguez, che interpreta Luz, una venditrice di Tacos alleata di Machete, che nello scontro finale si "trasforma" in Shè, una specie di vendicatrice con una benda sull'occhio (non vi dico il perchè) che ricorda neanche tanto vagamente (e nemmeno tanto casualmente) il personaggio di Elle Driver in Kill Bill.


Per darvi in più il gusto di vedervi il film, non vi dico come muore Steven Seagal, sappiate solo che nella lista di innumerevoli film che ha fatto e dei mille personaggi da lui interpretati da protagonista, solamente uno muore. Ecco in questo film lui muore, ma morirà in un modo che servirà solamente a mantenere vivo il mito Steven Seagal (per chi ce l'ha e lo coltiva!).


Nel finale si trova anche tempo per annunciare due sequel: "Machete uccide" e "Machete uccide ancora"! Inutile dire che li attenderemo con grandissima impazienza!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...