sabato 28 luglio 2012

Olimpiadi 2012 - La cerimonia d'apertura

Questo blog nasce con l'intento di parlare a chi mi leggerà di cinema, musica e serie tv. Ogni tanto però è giusto discostarsi da quelli che sono gli argomenti principali di una discussione e cambiare argomento. Ecco perchè, in queste due settimane, oltre alle mie recensioni su film e quant'altro, seguirò e commenterò le Olimpiadi, specialmente le prestazioni degli italiani e le partite di basket del Team USA, che come sapete, è la mia passione.



Come tutti saprete ieri sera è iniziata ufficialmente la manifestazione con la cerimonia d'apertura. Una cerimonia sfarzosa, in uno stadio perfetto per l'occasione che segue con assoluta partecipazione la cerimonia. Spettacolo d'apertura curato tra le altre cose dal regista premio Oscar con "The Millionaire" Danny Boyle. Ad aprire il tutto, suonando la più grande campana mai costruita al mondo, è Bradley Wiggins, ultimo vincitore del Tour de France.


Lo spettacolo, intitolato "Isole della Meraviglia", differentemente da quanto fatto 4 anni fa nella cerimonia d'apertura delle Olimpiadi di Pechino, non parte dalla spiegazione delle origini del popolo inglese, ma si concentra prepotentemente nella sua parte iniziale sulla Rivoluzione Industriale, grazie alla partecipazione dell'illustre attore Shakespeariano Kenneth Branagh.


Poi, dopo un godibilissimo intermezzo con protagonista Daniel Craig nei panni di James Bond, che deve compiere la missione di portare la Regina in elicottero allo Stadio Olimpico, spazio alla comparsa di Mr Bean, che fa ridere tantissimo, suonando assieme all'orchestra in una maniera tutta sua, "Chariot of Fire", la colonna sonora di "Momenti di Gloria". Addormentatosi, vediamo il suo sogno. Correre assieme ai protagonisti del film e batterli in una gara di velocità... Ovviamente, imbrogliando!


Poi spazio ai miti della letteratura per ragazzi, con J.K Rowling che legge un passo da Peter Pan, in cui vediamo Harry Potter, Voldemort, Crudelia De Mon e tanti altri danzare in mezzo allo stadio. Spazio anche alla cultura musicale, con una colonna sonora composta mixando canzoni dei The Who, Beatles, Sex Pistols, Eurythmics, Bohemian Rapsody dei Queen e tante altre, mentre sullo sfondo, vediamo immagini dei più famosi film inglesi, nel momento culminante del bacio. Vediamo "Notting Hill", "Shrek", il bacio tra William e Kate (che palle...).


Finito lo spettacolo entrano, divisi per nazione, gli atleti. Poi ancora il discorso di Rogge, l'accensione del braciere in una maniera molto molto creativa. Ultimo tedoforo il canoista Redgrave, che passa il testimone a sette giovani atleti selezionati da altrettanti atleti illustri del passato, a testimoniare il passaggio di consegne. E, gran finale, Paul McCartney (che non è morto anni fa...) che canta in maniera spettacolare Hey Jude!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...