venerdì 6 settembre 2013

Kick-Ass 2

USA, Regno Unito 2013
Titolo Originale: Kick-Ass 2
Regia: Jeff Wadlow
Sceneggiatura: Jeff Wadlow
Cast: Aaron Taylor-Johnson, Chloë Grace Moretz, Christopher Mintz-Plasse, Jim Carrey, Donald Faison, Robert Emms, Lindy Booth, Daniel Kaluuya, Clark Duke, Augustus Prew, Olga Kurkulina, Andy Nyman, John Leguizamo, Enzo Cilenti, Morris Chestnut, Yancy Butler, Lyndsy Fonseca, Claudia Lee, Garrett M. Brown, Steven Mackintosh, Iain Glen, Todd Boyce, Benedict Wong
Durata: 98 minuti
Genere: Supereroi, Commedia


La trama in breve: Dave si è ritirato dalla lotta al crimine, ispirando però con le sua azioni una serie di nuovi eroi. Stanco però di vivere normalmente, chiede aiuto a Mindy (Hit-Girl) di allenarlo per diventare un vero eroe. Quando però Mindy viene scoperta dal suo tutore Marcus mentre veste i panni di Hit-Girl, decide di iniziare a vivere una vita da normale quindicenne e di svestire i panni da supereroina.


Dopo aver recuperato il primo capitolo di quella che molto probabilmente sarà una saga (anche perchè è stato pubblicato giusto quest'anno il terzo album di fumetti, quindi, volete che non ci facciano un film?) ecco che sono anche riuscito a vedere la recente uscita "Kick-Ass 2" per godermi una mini-maratona riguardante gli anti-eroi più famosi del pianeta.



Devo dire che, secondo me, c'è stato un leggerissimo passo indietro rispetto al primo capitolo, anche se comunque, sia la storia, sia la componente comica, rimangono interessanti e spassose. E' solo che, a parte i nuovi personaggi e un Jim Carrey in formissima (certamente meglio di Nicholas Cage), nel film non si vede molto di nuovo rispetto al precedente e, anzi, si gioca sulla classica presa di coscienza da parte dell'eroe di voler vivere una vita normale (cosa che, ad esempio, accande in Spider-Man 2 e in tantissimi altri secondi capitoli sui supereroi).


Se nella scorsa recensione non avevo parlato dei cattivi, ora però sono costretto a farlo. Così come il nostro eroe Kick-Ass o come piace chiamarlo a me "Calcia-Culo", anche il supercattivo "Mother-Fucker" è un self-made man. Decide di essere cattivo pur non essendone completamente in grado e, soprattutto, alla fine, con la sua indole maldestra, riesce ad essere uno dei personaggi più divertenti di questi primi due capitoli e, ne sono sicuro, andrà avanti a divertirci.


Voto: 7-

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...