mercoledì 1 gennaio 2014

Non c'è Paragone Awards - I migliori film del 2013: I SENZA INFAMIA E SENZA LODE



Si apre finalmente la classifica dei migliori film dell'anno ormai passato con una carrellata di film che mi sono sì piaciuti, ma che ritengo inferiori a quelli presenti in classifica che potrete iniziare a leggere sui vostri schermi a partire da domani. Per questa volta i film vengono solo citati senza fare una vera e propria classifica e messi in ordine puramente casuale.

 

Now you See Me - I maghi del crimine


Regia: Louis Leterrier
Mi è dispiaciuto un po' metterlo fuori classifica perchè alla fine questa storia di crimini ed illusioni è un thriller davvero ben costruito e coinvolgente, con alcuni plot-twist che mi hanno lasciato abbastanza di stucco. Per quelli a cui piace per davvero questo genere di film ci sarà pane per i loro denti.
Miglior personaggio: Merritt McKinney
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Educazione Siberiana



Regia: Gabriele Salvatores
All'epoca in cui vidi il film devo dire che mi piacque parecchio. Poi però pian piano il suo effetto è andato scemando e quando un film non rimane nella memoria di chi lo guarda vuol dire che non era poi davvero così valido come la prima impressione che mi ha fatto. Consigliato per la storia e tutti gli elementi culturali presenti al suo interno.
Miglior personaggio: Gagarin
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Monsters University



Regia: Dan Scanlon
Un bel film d'animazione a cui all'epoca in cui uscì non avrei dato nemmeno una lira. I motivi stanno nel fatto che la sua uscita è decisamente troppo posteriore rispetto al suo predecessore "Monsters & co." (di cui questo film è in realtà un prequel), che sembrava tanto una trovata commerciale per far rinsavire un po' il brand. Eppure gli autori han saputo tirare fuori qualcosa di davvero buono da un film non proprio nato sotto i migliori auspici.
Miglior personaggio: Mike Wazowski
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Lo Hobbit - La desolazione di Smaug



Regia: Peter Jackson
Piaciutomi abbastanza di meno rispetto al primo capitolo, un secondo episodio della trilogia comunque bellino e coinvolgente, con qualche difettuccio qua e là che farà storcere il naso ai Tolkien-nazi (io i libri di Tolkien non li ho letti per nulla quindi non faccio per forza di cose parte della categoria). Talvolta mi ha dato l'impressione che Peter Jackson abbia voluto allungare di brutto il brodo.
Miglior personaggio: Thorin Scudodiquercia
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Dietro i candelabri



Regia: Steven Soderbergh
La storia d'amore del pianista Liberace con il suo protetto Scott Thorson. La loro differenza di età, il rapporto che si crea fra i due. E' uno dei film più empatici che ho visto negli ultimi mesi di quest'anno. Peccato per la seconda parte che si perde molto nella drammaticità, mentre ho apprezzato molto di più la leggerezza della prima metà.
Miglior personaggio: Liberace
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Shadowhunters - Città di ossa


Regia: Harald Zwart
Tratto dall'omonimo romanzo fantasy scritto da Cassandra Clare, il primo di una lunga saga, nonostante il clamoroso insuccesso è stata secondo me un bel film fantasy. Quando lo vidi ancora non avevo finito di leggere il libro, quindi mi sono spoilerato alcune parti, però la cosa mi ha anche permesso di vedere il film per quello che era e di apprezzarlo anche per quello che era.
Miglior personaggio: Valentine
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Hitchcock



Regia: Sacha Gervasi
Un bel biopic sulla realizzazione di uno dei miei film preferiti di Hitchcock ed anche uno dei miei film preferiti in assoluto: "Psycho" (e lo scrivo con la "h" perchè l'eliminazione nel titolo italiano è completamente incomprensibile). Davvero bella l'interpretazione di Anthony Hopkins e buonissima anche la somiglianza con Hitchcock, bravissima (e bellissima) anche Scarlett Johansson nel ruolo di Janet Leigh.
Miglior personaggio: C'è proprio bisogno di scriverlo??? E vabbeh... Hitchcock
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Killer in viaggio



Regia: Ben Weathley
Cattivella commedia britannica su una coppia in vacanza che, quando qualcuno per strada li fa incazzare, non esita a levare di mezzo per sempre gli scocciatori. Parte finale leggermente poco azzeccata che le fa perdere un posto nella classifica ufficiale.
Miglior personaggio: Tina
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

L'uomo con i pugni di ferro


Regia: RZA
Più che un bel film, un film godurioso per la violenza delle scene, anche se talvolta un po' edulcorata. Questo è fondamentalmente un film tamarro, un qualcosa che va oltre e che rischia spessissimo di sfociare nel trash. Eppure la regia di RZA è abbastanza convincente, tanto da meritarsi la menzione di Tarantino!
Miglior personaggio: Jack Knife
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

Rubinrot


Regia: Felix Fuchssteiner
Altro giro, altro adattamento di un romanzo fantasy. Questa volta però un romanzo con risvolti molto meno action rispetto a "Shadowhunters", più votato a creare una trama coinvolgente ed intricata. Stavolta però il libro l'ho letto, anzi, ho letto l'intera trilogia e attendo i due capitoli successivi, e la storia mi è sembrata abbastanza fedele. Il fatto di averlo visto in tedesco potrebbe avermi influenzato, dato il fatto di aver dovuto praticamente leggere soltanto i sottotitoli, dato che la parlata non la capisco proprio per nulla.
Miglior personaggio: Gwendolyn Shepherd
LEGGI LA MIA RECENSIONE

1 commento:

  1. concordo su LO HOBBIT
    passabile, ma fosse durato un'ora in meno era meglio
    diciamo che comincia a piacere quando si sente odore di Smaug... mentre l'episodio di Gandalf a Dol Guldur è fasullo come una banconota da 3 dollari
    i Tolkien-nazi sono una categoria da evitare con cura (nella migliore delle ipotesi ti rompono lo sferisterio con disquisizioni interminabili)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...