sabato 4 gennaio 2014

Non c'è Paragone Awards - I migliori film del 2013: POS. 20-11



Dopo aver eletto i film che mi sono piaciuti ma poi non così tanto, le posizioni dalla 40 alla 31 e quelle dalla 30 alla 21, ora siamo ad un passo dalla Top Ten dei film veramente meritevoli del 2013. Non che quelli di oggi facciano schifo, ma non ce l'hanno fatta per un soffio!

 

20 - Solo Dio perdona



Regia: Nicolas Winding Refn
Ad aprire questa terza puntata della classifica un film che mi ha saputo prendere in maniera quasi totale nonostante i suoi ritmi piuttosto lenti che, se non riescono a prenderti subito, rischiano di annoiare. Pazzesca è ancora una volta l'interpretazione di Ryan Gosling, con la presenza di altri personaggi idoleschi, come la mamma del protagonista.
Miglior personaggio: Crystal
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

19 - Rush



Regia: Ron Howard
Ron Howard è riuscito a farmi letteralmente amare un film sulla Formula 1, sport che schifo nel profondo. Ok, sì, il film si arruffiana moltissimo il pubblico, è un po' buonista, e infatti mi ha fregato in pieno. Pazzesca la somiglianza tra Daniel Brühl e Niki Lauda, mentre il ruolo di Chris Hemswort, che interpreta James Hunt, sembra tagliato dal sarto per lui!
Miglior personaggio: James Hunt
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

18 - Lincoln



Regia: Steven Spielberg
Film che si è tirato addosso tantissime critiche per la sua convenzionalità che è riuscita ad ammaliare quasi interamente i giurati dell'Academy, nominandolo per moltissimi premi Oscar (che poi alla fine mi sa che ne ha vinti giusto un paio). Idem come la posizione sopra, a me il film ha preso moltissimo, l'ho visto anche prima di leggerne tutte le critiche feroci e quindi non ho corso il rischio di esserne influenzato, ma mi è piaciuto per davvero.
Miglior personaggio: Abraham Lincoln
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

17 - Nella casa



Regia: François Ozon
Bellissima sorpresa direttamente dalla Francia, con un film che da una parte racconta l'amore per la scrittura, mentre dall'altra la bellezza di osservare la vita che ci circonda. Un po' thriller ed un po' drama, questo film ha saputo prendermi dall'inizio alla fine, con una storia come poche se ne vedono in giro.
Miglior personaggio: Claude Garcia
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

16 - Mud



Regia: Jeff Nichols
Dopo aver vinto la classifica dello scorso anno con "Take Shelter", il ritorno di Jeff Nichols è sì in una posizione più bassa ma non totalmente per demeriti suoi. La storia mi è piaciuta leggermente di meno, ma si tratta pur sempre di un grandissimo film con una regia davvero sopra le righe. Forse forse è mancato l'elemento sorpresa e mi aspettavo qualcosa di più. Grandioso Matthew McConaughey, che con questo film dimostra al mondo intero che ci sa fare sul serio.
Miglior personaggio: Mud
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

15 - Gravity



Regia: Alfonso Cuaròn
Uno dei favoriti al premio Oscar come miglior film. Più che sulla storia che racconta, abbastanza semplice, la pellicola rappresenta una grandissima esperienza visiva, con inquadrature e piano sequenza da brivido. Sandra Bullock (che mai mi è piaciuta per davvero) qui dimostra di poter reggere un film praticamente da sola. Ma tanto so che presto ritornerà nell'oblio da cui è venuta.
Miglior personaggio: Beh, ce n'è praticamente solo uno...
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

14 - La grande bellezza



Regia: Paolo Sorrentino
Il capolavoro italiano che rischia seriamente di dire la sua all'Oscar come miglior film straniero è stata in questo 2013 una visione quasi illuminante. Sorrentino ha dalla sua delle riprese assolutamente mirabolanti ed entusiasmanti, con scene che entrano di diritto nella storia del cinema. Dall'Italia ancora qualcosa di buono può arrivare. Grandissima l'interpretazione di Toni Servillo, davvero qualcosa di pazzesco, con ogni attore, anche secondario, che sta perfettamente nella sua parte.
Miglior personaggio: Jep Gambardella
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

13 - Il sospetto



Regia: Thomas Vinterberg
Altro probabile candidato all'Oscar come miglior film straniero, il film offre una visione piena di pathos e di tensione, senza però mai annoiare e senza che il regista dia un chiaro giudizio. Se a volte prendere le distanze da un film non è un buon segno, qui risulta la scelta migliore. Mads Mikkelsen supremo. E' ovvio che per l'Oscar tifi per l'italiano, ci vuole, magari rinfrescherà un po' il nostro cinema appiattito, è un premio che potrebbe servire. Ma questo film è un pochino meglio.
Miglior personaggio: Lucas
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

12 - Anna Karenina



Regia: Joe Wright
Non è la prima volta che questo regista mi frega con film che normalmente non vedrei mai nella vita. Già lo aveva fatto facendomi apprezzare "Orgoglio e pregiudizio" (sia chiarissimo, apprezzo come è stato fatto il film, MA NEMMENO PER SOGNO IL MESSAGGIO CHE ALCUNE PERSONE CHE HAN LETTO IL ROMANZO E GUARDATO IL FILM VOGLIONO FAR PASSARE) e ci è riuscito anche con "Anna Karenina". Bellissime sono le musiche da cui non mi aspettavo affatto di essere attratto, bravissima è Keira Knightley nel ruolo della protagonista.
Miglior personaggio: Conte Aleksej Vronskij
LEGGI LA MIA RECENSIONE

 

11 - Bling Ring



Regia: Sofia Coppola
Film controversissimo. O lo si è amato o lo si è odiato. Penso di non aver letto nemmeno una recensione sul web che si ponesse nel mezzo per questo film. Io l'ho amato, chiaro. Mi piace moltissimo come è stato rappresentato il vuoto generazionale, creando personaggi distaccati ed apparentemente senza alcun sentimento. E con questo film Emma Watson si è levata finalmente la maschera di Hermione, diventando una vera e propria bomba sexy, che oltre ad essere sexy sa anche recitare a meraviglia. Il cast di giovanissimi è ben assortito, su tutte si segnalano, appunto, Emma Watson e Taissa Farmiga.
Miglior personaggio: Nicki e Sam
LEGGI LA MIA RECENSIONE

1 commento:

  1. lincoln e gravity noooooooo
    :)

    gli altri ci stanno tutti, soprattutto il sottovalutato bling ring!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...