sabato 14 giugno 2014

The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro

USA 2014
Titolo Originale: The Amazing Spider-Man 2
Regia: Marc Webb
Sceneggiatura: Alex Kurtzman, Roberto Orci, Jeff Pinkner
Cast: Andrew Garfield, Emma Stone, Jamie Foxx, Dane DeHaan, Sally Field, Chris Cooper, Paul Giamatti, Marton Csokas, Colm Feore, Felicity Jones, B.J. Novak, Denis Leary, Campbell Scott, Embeth Davidtz, Martin Sheen, Michael Massee, Stan Lee
Durata: 145 minuti
Genere: Azione, Supereroi

La trama in breve: Spider-Man continua la sua lotta contro il crimine. Durante l'inseguimento di un criminale russo, salva la vita a Max Dillon, un impiegato della Oscorp. Harry Osborn torna a Manhattan per fare visita al padre morente, che gli rivela che la sua malattia è ereditaria. Dopo la morte del padre, erediterà la sua azienda.

Non ho mai nascosto quanto i film della Marvel mi piacciano, ma questo reboot della saga di Spider-Man, slegata dalla bellissima trilogia di Sam Raimi, non è della Marvel ma della Disney, quindi non si può dire che appartenga in tutto e per tutto a quello che ormai è entrato nell'immaginario collettivo come il "Marvel's Cinematic Universe", che comprende diversi film, diversi progetti in cantiere, una serie TV (Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D.) ed un'altra in cantiere per la prossima stagione (Agent Carter). The Amazing Spider-Man non c'entra nulla con tutta questa innumerevole produzione e, un po' si vede.

Il primo film, "The Amazing Spider-Man", devo dire che mi era piaciuto abbastanza, nonostante lo ritenessi piuttosto inferiore ai primi due capitoli della saga di Sam Raimi. Purtroppo non essendo un lettore del fumetto, e di fumetti in generale, non ho questo termine di paragone, ma molti dicono che questa nuova saga sia molto più fedele alla storia cartacea piuttosto che la trilogia di Raimi, alla quale io comunque rimango molto affezionato. Detto questo, dopo un buon primo capitolo, l'attesa per il secondo era abbastanza fervente e, alla fine prima o poi sapevo che sarebbe capitato, ne sono rimasto abbastanza deluso.

Andrew Garfield nel ruolo di Spider-Man continua a funzionare abbastanza, quando è Peter Parker riesce a dare il meglio di sè, mentre, avendo visto il film doppiato, è difficile giudicarlo quando veste il costume di Spider-Man, visto che è presente il filtro della voce del doppiatore, che funziona molto bene. Allo stesso modo sono state buone le prove recitative sia di Emma Stone nei panni di Gwen Stacy e mi è piaciuta anche quella di Jamie Foxx nei panni di Electro. Non mi è piaciuto invece Dane DeHaan nei panni di Harry Osborn/Green Goblin. Innanzitutto mi è parso ababstanza compassato lui nella sua performance, mentre in secondo luogo non ho per nulla apprezzato l'utilizzo che ne è stato fatto del personaggio, che compare, nei panni di Goblin, solo nei minuti finali in un modo che mi è parso abbastanza sbrigativo.

Così come nel terzo capitolo diretto da Sam Raimi, in cui erano presenti ben tre cattivi e alla fine la storia aveva abbastanza sbroccato, anche qui, la scelta di mettere in scena due cattivi piuttosto importanti nell'economia della storia di Spider-Man non ha pagato molto in termini di coinvolgimento. Inoltre l'uso massiccio della CGI ha fatto il resto: non sono contrario a priori all'utilizzo della CGI, ma guardando il film è avuta praticamente in ogni scena d'azione la sensazione che in scena non ci fosse nessuno e che non ci fosse nemmeno niente di fisico. Ora non dico che la cosa sia stata fatta male perchè è chiaro che non ho le competenze tecniche per dire una cosa del genere, anzi, molte scene in questo senso sono anche abbastanza coinvolgenti, ma un buon utilizzo e un intelligente utilizzo della CGI dovrebbe quanto meno farti pensare che in scena ci sia qualcuno, cosa che qui non sempre accade.

Voto: 5,5

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...