domenica 15 giugno 2014

The Blair Witch Project - Il mistero della strega di Blair (1999)

USA 1999
Titolo Originale: The Blair Witch Project
Regia: Daniel Myrick, Eduardo Sanchez
Sceneggiatura: Daniel Myrick, Eduardo Sanchez
Cast: Heather Donahue, Joshua Leonard, Michael C. Williams
Durata: 89 minuti
Genere: Horror

La trama in breve: Nell'Ottobre del 1994 tre ragazzi sono scomparsi nel bosco di Blair, nel Maryland. Attraverso del materiale rinvenuto in una videocamera, il film segue una narrazione cronologica di ciò che è stato rinvenuto al suo interno.

Prima o poi avrei dovuto parlare su questo blog di questo film che, per quanto mi riguarda, ha fatto più male che bene alla storia del cinema, in quanto uno dei film che più ha influenzato il panorama dell'horror dell'ultimo decennio, grazie soprattutto alla sua realizzazione a zero budget e allo stile in falso documentario che in questi anni sta andando moltissimo di moda, soprattutto, appunto, nel cinema horror. Quando andai a vedere al cinema "Paranormal Activity" mi dissero qualcosa di simile a "se ti piace, guarda anche The Blair Witch Project". A me "Paranormal Activity" ha fatto schifo, ma questo film poco tempo dopo ho voluto recuperarlo comunque.

Parlo di "Paranormal Activity" perchè lo identifico come il secondo caposaldo del genere mockumentary, dopo il quale i film del genere hanno iniziato a fiorire come trifogli in ogni dove. E il problema vero è che io in questo film non è che ci veda tutta questa gran qualità e nemmeno tutta questa rivoluzione tanto da essere riconosciuto come vero e proprio cult del cinema horror. Tecnicamente parlando è un film alquanto discutibile, ma la tecnica non è quello che importava ai realizzatori del film, quindi non mi ci soffermo nemmeno io.

L'idea, fondamentalmente, era quella di realizzare un bell'horror d'atmosfera, di quelli che non ti fanno spaventare ma che ti mettano una certa inquietudine. Da questo punto di vista il film, più o meno, con molti passaggi a vuoto, riesce nel suo intento, ma da qui ad essere un vero e proprio cult del genere ce ne passa di acqua sotto i ponti. E' un film che fondamentalmente si basa sul poco e nei suoi novanta minuti di durata crea poco e niente dal punto di vista visivo, basando il suo effetto horror più che altro su rumori inquietanti e nulla più.

E' stranissimo dunque come un film del genere possa diventare un vero e proprio cult. Eppure, lo sta scrivendo uno che considera "Sharknado" un cult, nella sua inadeguatezza nei confronti del cinema in generale. Il discorso è semplice: alla fine, piacendo o non piacendo, ognuno si crea i suoi cult personali e deve, per forza di cose, fare i conti con il modo di vederla di tutti gli altri. "The Blair Witch Project" è un film guardabile, ma non mi piacerà mai per davvero.

Voto: 5,5

Per ultimo vi condivido, per l'ennesima volta, un video in cui parlo per venticinque minuti tondi tondi del genere mockumentary, facendo anche qualche riferimento al film di cui vi ho parlato quest'oggi.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...