martedì 21 ottobre 2014

Tutto può cambiare (2013)

USA 2013
Titolo originale: Begin Again
Regia: John Carney
Sceneggiatura: John Carney
Cast: Keira Knightley, Mark Ruffalo, Hailee Steinfeld, Adam Levine, James Corden, Catherine Keener, Mos Def, Cee Lo Green
Durata: 104 minuti
Genere: Commedia, Musicale

La trama in breve: Dan Mulligan è un produttore discografico, divorziato con la moglie e con un rapporto non semplicissimo con la figlia, che viene licenziato dopo l'ennesimo fallimento. Greta invece ha appena lasciato il fidanzato, reo di averla tradita e di averglielo fatto capire tramite una canzone. I due si incontreranno in un locale, dove lei viene invitata a salire sul palco per cantare una sua canzone, mentre lui, ascoltandola, capisce che insieme possono produrre un disco di successo.

"Tutto può cambiare" è un film molto semplice. Eppure dalla sua estrema semplicità riesce a tirar fuori una sequela di interessantissimi insegnamenti e considerazioni morali che è difficile rimanerne indifferenti. Per lo meno questa è stata l'impressione che ho avuto guardando questa pellicola, diretta e sceneggiata da John Carney, regista con soli sei film alle spalle dei quali nessuno sembra essersi ritagliato un posticino nella storia del cinema. Nemmeno questo film lo avrà quel posto, questo è certo, ma quanto meno avrà un posto nel cuore di chi lo guarda.

La storia parte da una semplicissima considerazione, che ci viene mostrata in maniera alternata attraverso gli occhi dei due protagonisti: una canzone può dare una svolta alla propria vita? Da una parte abbiamo Dan Mulligan, interpretato da Mark Ruffalo, discografico fallito, divorziato dalla moglie e con un rapporto apparentemente difficile con la figlia: lui è l'ascoltatore della canzone fondamentale del film. Lui, mentre ascolta una canzone cantata da Greta, riesce a risollevarsi dopo un bruciante licenziamento, durante una serata in cui aveva praticamente deciso di buttare via la sua intera vita nell'alcool. Dall'altra invece abbiamo proprio Greta, interpretata da Keira Knightley: lei è la donna che canta la canzone, in maniera quasi ingenua e senza pensare che quello che sta cantando possa essere un buon pezzo. Eppure lì ad ascoltarla c'è Dan, forse l'unico che in questo pezzo vede qualcosa.

Nel corso della pellicola assistiamo anche a quelle che sono le vite private dei due protagonisti, con il regista che alterna sapientemente immagini dal loro passato con immagini presenti: viene spesso messa in gioco l'importanza della famiglia, soprattutto nei momenti in cui viene mostrata la vita di Dan, mentre per quanto riguarda Greta sarà di capitale importanza il rapporto con il suo ex fidanzato, Dave Kohl, interpretato daAdam Levine. Tra le altre cose Levine, cantante dei Maroon 5, ci regala anche un paio di pezzi interessantissimi, interpretando in maniera oserei dire buona (in "American Horror Story - Asylum" non mi era piaciuto per nulla) il ruolo del cantante piuttosto affermato. Sarà che sta interpretando se stesso?

"Tutto può cambiare" alla fine si rivelerà essere una buonissima riflessione sul potere salvifico della musica, ma non solo. Grazie alla sua semplicità e alla sua leggerezza riesce a trattare, senza risultare mai retorico, anche temi importanti come la famiglia e l'importanza del lavoro. E' anche piuttosto difficile non rimanere colpito dai due protagonisti, che sono più che mai umani e costruiti in maniera che non vengano idealizzati (e non è una cosa per nulla scontata), ma soprattutto dalle canzoni che vengono cantate in questa pellicola, alcune delle quali mi ronzano ancora nella testa!

Voto: 7,5

4 commenti:

  1. Carny è responsabile di quel piccolo capolavoro, visto da pochi, di Once. Quindi per quanto mi riguarda parte già benissimo. Spero di vedere anche Tutto può cambiare abbastanza in fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, infatti Once ancora non l'ho visto, ma penso provvederò in fretta

      Elimina
  2. Un posto per nulla piccolo questo film se l'è ritagliato nella mia storia del cinema, e come ricorda Beatrix Once ha fatto altrettanto, vincendo più che meritatamente un Oscar per la sua canzone.. che possa succedere anche quest'anno? Io lo spero, perchè la colonna sonora, come a te, non mi esce più dalla testa :)

    RispondiElimina
  3. bel film, ancora più bella colonna sonora, pure io sono rimasto decisamente soddisfatto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...