mercoledì 11 febbraio 2015

Red Band Society - Stagione 1

Red Band Society
(serie TV, stagione 1)
Epsiodi: 13
Creatore: Margaret Nagle
Rete Americana: FOX
Rete Italiana: Inedita
Cast: Octavia Spencer, Dave Annable, Ciara Bravo, Griffin Gluck, Zoe Levin, Rebecca Rittenhouse, Charlie Rowe, Nolan Sotillo, Brian ''Astro'' Bradley
Genere: Drama

La trama in breve: La serie segue le vicende di sei ragazzi che vivono in un'ospedale a causa delle più svariate malattie. Tra loro nascerà un rapporto particolare di amicizia e anche, tra alcuni di loro, una storia d'amore.

Quando a settembre incominciai a vedere "Red Band Society", nuova serie prodotta da FOX basata sull'originale spagnola "Polseres Vermelles", sulla quale a sua volta si era basata l'italiana "Braccialetti rossi", non avevo ancora visto la trasposizione italiana della serie, prodotta da Rai Uno e che, pur avendo tutte quelle cose odiose che hanno tutte le fiction italiane, riusciva ad essere una buona forma di intrattenimento e di riflessione, soprattutto grazie alla creazione di personaggi con cui, nonostante le loro difficoltà che non sono lontanamente paragonabili a quelle di una persona sana, ci si poteva benissimo identificare. Non avendo ancora visto il corrispettivo italiano, di grande successo, il mio approccio con "Red Band Society" fu abbastanza positivo: i primi episodi mi sono piaciuti abbastanza e, nonostante l'ambientazione ospedaliera, mi erano parsi abbastanza leggeri.

Col passare degli episodi però si è visto che a questa serie mancava qualcosa: da una parte gli ascolti l'hanno fatta chiudere dopo soli dieci episodi, con gli ultimi tre che sono stati mandati in onda di Sabato (io pensavo quasi che il sabato in America, per le televisioni, non esistesse) giusto per far finire la trasmissione. Ma si sa, gli ascolti non sono quasi mai un buon indicatore della qualità di una serie: mi sono infatti trovato a dover troncare la visione di serie che mi piacevano anche parecchio a causa degli scarsi ascolti, quindi non è un'indicazione molto valida. Le indicazioni valide invece te le danno i personaggi, che pian piano diventano alcuni abbastanza banalotti, mentre in altre situazioni non si riesce sempre a provare empatia per loro.

Io ora non vorrei fare un confronto con "Braccialetti rossi", vista proprio nel periodo di pausa di "Red Band Society" e che da Domenica partirà con la seconda stagione di soli quattro episodi (per la quale lo dico, ho una paura fottuta che si rivelerà qualcosa di assolutamente dannoso), però questo viene abbastanza spontaneo: dove in "Braccialetti rossi" i personaggi si aiutano a vicenda per superare le proprie difficoltà, dedicandosi ad attività ludiche o comunque alla cementazione di un gruppo di amici, qui la stessa cosa non accade. Viene a meno proprio uno dei pochi punti veramente potenti della serie italiana, in favore di un gruppo di persone che sembrano molto molto molto idealizzate.

In tutto questo vediamo anche una serie di clichè che più che altro danno fastidio: abbiamo, ad esempio, il giovane sudamericano che per pagarsi l'emancipazione spaccia farmaci tra i pazienti dell'ospedale e anche al di fuori (e gli americani amano il clichè del sudamericano spacciatore), così come abbiamo la stronzetta star del liceo senza amici,di cui abbiamo il corrispettivo anche in "Braccialetti rossi", con la differenza che quello italiano fa più tenerezza. Insomma i personaggi sono quasi tutti abbastanza spenti e antipatici. Un punto a favore rispetto alla trasposizione italiana però c'è: la colonn a sonora, piena di brani pop e classici mescolati in maniera molto interessante. Peccato che sia una cosa, mentre tutto il resto va proprio poco poco...

Pregi:
  • La colonna sonora;
  • Qualche (pochi)momento di leggerezza e divertimento.
Difetti:
  • Personaggi piuttosto antipatici;
  • Emma. Inteso come tutto il suo personaggio. Noiosa e annoiante come poche.
Voto: 5

3 commenti:

  1. Anche io ho molta paura per la seconda stagione di Braccialetti rossi. Probabilmente rovineranno tutto, visto che già nel finale della prima stagione erano scaduti su territori mocciani o quasi...

    Questo Red Band Society l'ho abbandonato dopo un paio di episodi. Davvero spento e antipatico, proprio come i suoi protagonisti.

    RispondiElimina
  2. a me invece red band society mi è piaciuto molto, non scontato(ha mostrato la parte realistica evitando di essere smielato, del carattere delle persone quando si trovano in situazioni estreme, cioè combattere quotidianamente per avere una vita "normale" sopratutto in una fase delicata quale l'adolescenza.

    RispondiElimina
  3. a me invece red band society mi è piaciuto molto, non scontato(ha mostrato la parte realistica evitando di essere smielato, del carattere delle persone quando si trovano in situazioni estreme, cioè combattere quotidianamente per avere una vita "normale" sopratutto in una fase delicata quale l'adolescenza.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...