martedì 17 febbraio 2015

TRASH MOVIES #19 - 100 gradi sotto zero & Bering Sea Beast

Per oggi due recensioni al prezzo di una! Due recensioni piccole, ma brutte, proprio come i film di cui vi parlo, entrambi firmati dalla Asylum, il primo di questi andato in onda recentemente su Cielo per il ciclo "#FenomeniVirali", film di cui non avevo mai sentito parlare, mentre il secondo proposto da un amico in una serata film trash, film andato in onda direttamente in TV sul canale americano SyFy, proprio come "Sharknado" e "Sharknado 2: The Second One", due veri e propri fenomeni virali, altro che! Ho deciso da ora in poi che per i film spazzatura che guarderò le recensioni saranno brevi e conterranno un piccolo spoiler sulle scene scult presenti nel film, e con oggi inizia questo piccolo esperimento.


100 gradi sotto zero

USA 2013
Titolo Originale: 100° Below Zero
Regia: R. D. Braunstein
Sceneggiatura: H. Perry Horton, Richard Schenkman
Cast: Jeff Fahey, Sara Malakul Lane, Marc McKevitt Ewins, John Rhys-Davies, Iván Kamarás, Luke Healy
Durata: 89 minuti
Genere: Catastrofico

Sapete bene come, quando si parla di questo genere di film, si debba mandare a puttane l'obiettività e raggiungere alti livelli di sopportazione. Se si è ben predisposti verso questo tipo di film, ci si concentra su tutte le cose brutte presenti al suo interno e si può ridere di tutte le assurdità presenti. Ecco, un po' come con "Apocalypse Pompeii" con questo film l'Asylum non calca abbastanza la mano e risulta essere un qualcosa di piuttosto sciapo ed anonimo. La trama ruota infatti attorno a due fratelli che devono raggiungere la Tour Eiffel per essere salvati dal padre, che è un mega-pilota, mentre in tutta Europa si sta abbattendo una nuova era glaciale. Mentre è ovvio che si sprechino le scene senza senso, quelle in cui i protagonisti sembrano fregarsene di tutto ciò che gli accade intorno, il tutto prende, spesso e volentieri, toni troppo seri che non permettono al pubblcio di divertirsi a dovere.

Scene scult:
  • Tempesta con tanto di palle di ghiaccio che cadono dal cielo. Ryan viene colpito da un uomo, nella concitazione del momento, e cade a terra svenuto (senza alcun motivo valido, dato che il colpo è un colpetto normalissimo). La sorella Taryn corre a risvegliarlo e, mentre una palla di ghiaccio sta per cadere addosso a Ryan, lei la calcia via, con un colpo degno del miglior Paul Pogba!
  • Un uomo viene impalato da una stalattite di ghiaccio mentre sta aprendo l'hangar in cui vi è l'elicottero necessario per il salvataggio dei due ragazzi.

Voto: 2
Voto trash: 5+


Bering Sea Beast

USA 2013
Titolo Originale Beast of the Bering Sea
Regia: Don E. FauntLeRoy
Sceneggiatura: Brook Durham
Cast: Cassie Scerbo, Brandon Beemer, Jaqueline Fleming
Durata: 85 minuti
Genere: Monster Movie

Purtroppo anche qui siamo davanti ad una produzione in tono piuttosto minore rispetto a cui mi aveva abituato l'Asylum. Stavolta la storia ruota attorno una leggenda, che ovviamente durante il film si scoprirà essere vera, riguardante la mitologica creatura del vampiro degli abissi. Ovviamente, altri non è che una specie di razza con una brutto faccino, i denti da vampiro e si nutre di sangue: umano, animale, di foca, poco gli importa. Anche qui, scene senza spiegazione a buttare, la scienza che va a farsi benedire e, soprattutto, una biologa marina che, addirittura, pensa più e più volte di non uccidere questa specie "così carina". Cioè, va anche bene che tu non la voglia uccidere, ma quanto meno non mandare avanti gli altri quando si tratta di morire dissanguati.

Scene scult:
  • I vampiri degli abissi. Sono di una bruttezza tale da renderli quasi belli.
  • Dopo quindici anni dall'inizio del film i protagonisti capiscono che per uccidere un vampiro serve della luce (cioè, questi di Dracula non hanno mai sentito parlare eh? Va beh che dopo "Twilight" e "The Vampire Diaries" i vampiri non succhiano più nemmeno il sangue, quindi qui siamo davanti a qualcosa di un po' meglio). Loro ovviamente caricano una quindicina di fari a luce ultravioletta su un camioncino che, con la sua batteria, riesce a reggerli tutti senza scaricarsi. Ma soprattutto, sul rimorchio del furgoncino, due protagonisti in piedi rivolgono questi enormi fari, tenendoli in mano, verso qualsiasi vampiro gli si pari davanti.
  • In questo film la luce va più lenta della velocità della luce.

Voto: 3
Voto Trash: 6+

3 commenti:

  1. Mi dispiace. Mi dispiace davvero tanto. Complimenti per il coraggio XD

    RispondiElimina
  2. Bering Sea Beast sembra più trash dell'altro.
    Quasi quasi lo guardo con gli amici :D

    RispondiElimina
  3. eh eh anche io una volta avevo fatto un post con qualche perla dell'Asylum riunita in una sola recensione...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...