martedì 2 giugno 2015

Le streghe son tornate (2013)

Spagna, Francia 2013
Titolo Originale: Las brujas de Zugarramurdi
Regia: Álex de la Iglesia
Sceneggiatura: Álex de la Iglesia, Jorge Guerricaechevarría
Cast: Hugo Silva, Mario Casas, Pepón Nieto, Carolina Bang, Terele Pávez, Jaime Ordóñez, Gabriel Delgado, Santiago Segura, Macarena Gómez, Secun de la Rosa, Javier Botet, Enrique Villén, Carlos Areces, Manuel Tallafé, María Barranco, Carmen Maura
Durata: 112 minuti
Genere: Commedia, Horror, Thriller

La trama in breve: José e Antonio, accomunati da storie d'amore finite male, decidono di compiere una rapina in un "compro oro" di Madrid, travestiti da Gesù e da soldatino giocattolo. Inseguiti dalla polizia, e Josè anche da sua moglie, i due, assieme al figlio di Josè, prendono in ostaggio un tassista e il suo passeggero per fuggire verso la Francia. Nel percorso si ritrovano però a Zugarramurdi, un piccolo paesino della Navarra nel quale vive una potente congrega di streghe.

Abbiamo dovuto aspettare ben due anni per poter vedere in Italia "Las brujas de Zugarramurdi", ultimo film di Alex de la Iglesia del 2013, regista del quale nei primi mesi di vita di questo blog, in cui scrivevo molto peggio che ora, avevo apprezzato abbastanza la follia di "Ballata dell'odio e dell'amore", così come, qualche anno fa, avevo enormemente apprezzato l'horror per la TV "La stanza del bambino". Come se non bastasse il fatto di fare uscire la pellicola ben due anni dopo la sua uscita originale, qui in Italia è rimasta in sala giusto per una manciata di serate, perchè ovviamente il settimo capitolo di Fast and Furious doveva rimanere in sala per mille mesi, mentre qualsiasi altro film considerato "minore" dalla nostra distribuzione merita di starci per tipo tre giorni.

Ciò che mi aspettavo da questa pellicola era follia: non una follia alla "Mad Max", ma comunque un qualcosa che puntasse molto sull'assurdità e fosse in grado di giocare con i generi in maniera accattivante e divertente. Chi ha visto "Ballata dell'odio e dell'amore", film stranissimo, sa di cosa sto parlando. E diciamo che un po' è questo che ho trovato in "Le streghe son tornate", che parte come un tipico film in cui l'uomo, marito divorziato con bambino in età scolastica, volendosi riscattare economicamente, organizza un'improbabile rapina in banca travestito da Gesù Cristo, tra l'altro con un travestimento per me magnifico, e poi fugge dalla polizia, da sua moglie, con il suo bambino usato come complice nella rapina, alla volta della Francia.

La prima parte della pellicola, quella che ci mostra la rapina, la fuga e la fermata di questo improbabile gruppetto di persone a Zugarramurdi, cittadina della Navarra con una cosa come solo duecento abitanti, scorre piacevolmente provocando talvolta grandi risate nello spettatore. Anche le interpretazioni degli atori coinvolti in questa parte mi sono particolarmente piaciute, nonostante non ami la recitazione tipica degli spagnoli, qui però filtrata dal doppiaggio. Ad una prima parte frenetica e divertentissima corrisponde secondo me un seconda parte un po' meno convincente.

Nel momento in cui i  nostri protagonisti si trovano a Zugarramurdi, come da titolo, incontrano le streghe, che li sottoporranno a torture insopportabili, con l'obiettivo di svegliare la Grande Madre e far iniziare per loro una nuova era. Nonostante in questa seconda parte si tirino abbastanza bene le fila della storia, lo svolgimento mi è parso abbastanza condito di lungaggini evitabili con anche qualche scelta discutibile. Il calo è abbastanza evidente, anche se in fin dei conti non influisce enormemente sulla riuscita della pellicola, anche perchè dover sopportare questo calo per vedere come viene ritratta la Grande Madre, fidatevi, ne vale la pena. Semplicemente perchè soffocherete dal ridere vedendola.

Voto: 7

6 commenti:

  1. Da me manco l'hanno trasmesso -___-' ennesimo film da aggiungere alla chilometrica lista delle cose da vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da me è durato giusto quei tre o quattro giorni che non hanno dato alcun fastidio a Fast and Furious!

      Elimina
  2. E' un mistero come certi film arrivino da noi con tanti anni di ritardo mentre le sale sono piene di merda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti dico, piuttosto fammelo uscire in estate quando nessuno va al cinema, ma non prendermi per il culo facendolo uscire e lasciandolo solo due giorni... Però nel frattempo si continua a far uscire film sulla faglia di Sant'Andrea...

      Elimina
  3. i distributori italiani distribuiscono de la Iglesia a film alterni o con ritardi biblici...film che merita assolutamente !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh infatti quello tra Ballata dell'odio e dell'amore e questo è saltato... Però fanno uscire il film su Messi dai (che non posso vedere prima di sabato, sennò quel poco di fiducia che ho di vincere la Champions' va in fumo)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...