domenica 9 agosto 2015

Pixels (2015)

USA 2015
Titolo Originale: Pixels
Regia: Chris Columbus
Sceneggiatura: Tim Herlihy, Timothy Dowling
Cast: Adam Sandler, Kevin James, Michelle Monaghan, Peter Dinklage, Josh Gad, Brian Cox
Durata: 100 minuti
Genere: Commedia, Azione, Fantascienza

La trama in breve: Nel 1982 le riprese del campionato mondiale di videogiochi arcade, a cui ha partecipato Sam Brenner, vengono inviate tramite una capsula del tempo nello spazio, con la speranza che una civiltà aliena potesse visionarle ed entrare in contatto con i terrestri. Gli alieni però fraintendono il contenuto delle riprese e decidono di sfidare la terra con delle gigantesche versioni dei personaggi dei videogiochi.

Idee originali come quella su cui si basa "Pixels" se ne sono viste poche in giro negli ultimi tempi. D'altronde per chi ha vissuto l'epoca d'oro dei videogiochi arcade come Pac-Man, Arkanoid, Space Invaders, Asteroids o Donkey Kong, un film che si basa su un attacco alieno attraverso i personaggi di quei videogiochi sarebbe stato pane per i propri denti. Anche per me che non ho propriamente vissuto in pieno quell'epoca, ma che con tutti i giochi citati ci ho giocato, amandoli e odiandoli allo stesso tempo, il film poteva essere un qualcosa di davvero interessante. Nonostante tutte le critiche negative uscite poco prima dell'uscita del film nelle sale cinematografiche, mi sono fatto coraggio e gli ho dato un'occhiata. E' chiaro che non sempre da una buona idea nasca un buon film e anche "Pixels" deve fare i conti con questa legge, però, forse, se visto nell'ottica della cazzatona di puro intrattenimento, molte critiche negative e feroci si sarebbero affievolite.

Personalmente non mi sento di voler male a questa pellicola: certo è che il cast non è tra i miei preferiti dato che, Peter Dinklage a parte, adorato per il suo ruolo in "Game of Thrones", Adam Sandler e tutta la sua combriccola di fedelissimi non mi ha mai fatto impazzire, così come la new entry Josh Gad. Al contrario apprezzatissimo il cameo di Ashley Benson in versione ultra sexy che, per fortuna, non parla nemmeno. Probabilmente la maggior parte dei critici si è affidata al valutare il solo cast per dire che il film facesse, indiscutibilmente, schifo. Purtroppo in giro per il mondo c'è un certo odio imperante verso Adam Sandler e i suoi compari, odio che fa cassare qualsiasi suo film come merda a prescindere. Stesso odio che io provo per Niccolò Gabbia, tanto per dire, quindi lo considero anche piuttosto legittima come cosa.

Vedendo però il film come una piccola commedia con dei risvolti che si basano sui più classici degli action il film ce lo si può tranquillamente godere. Non sarà un capolavoro e mai ha preteso di esserlo, ma mille volte meglio una cosa del genere, che comunque parte da un'idea più o meno originale, piuttosto che i soliti film con i vari Jason Statham o compagnia bella che sono solo inseguimenti, esplosioni e RATATATATATATA. Con lo spunto dei videogiochi arcade degli anni '80 innanzitutto ti sei attirato il pubblico un po' nostalgico e, con una colonna sonora che per buona parte attinge in pieno dalla musica rock di quel periodo, riesce anche un po' a coinvolgerti. Lungi dunque da me definire questo film un capolavoro o addirittura un buon film, ma come mero e discreto intrattenimento, l'ora e quaranta della sua durata passa via anche con discreto piacere.

Voto: 6-

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...