martedì 15 settembre 2015

Fantastic 4 - I Fantastici Quattro (2015)

USA 2015
Titolo Originale: Fantastic 4
Regia: Josh Trank
Sceneggiatura: Simon Kinberg, Jeremy Slater
Cast: Miles Teller, Kate Mara, Michael B. Jordan, Jamie Bell, Toby Kebbell, Tim Blake Nelson, Dan Castellaneta, Reg E. Cathey
Durata: 100 minuti
Genere: Azione, Supereroi

Nell'ormai enormesco e gigantorme panorama dei cinecomics ecco che arriva il turno di un nuovo reboot, di una saga ce era partita una decina di anni fa, che non era andata proprio bene a livello cinematografico - per usare un eufemismo - ma che comunque era riuscita a sfornare due capitoli con un discreto successo di pubblico. Arriva dunque "Fantastic 4 - I Fantastici Quattro", il cui titolo in italiano concettualmente sarebbe come dire "Stasera mi mangio un piatto di pasta - Mi mangio un piatto di pasta stasera", ma evidentemente i titolisti italiani pensano che noi del pubblico siamo degli imbecilli ignoranti che non sanno nemmeno tradurre un titolo in inglese così banale. Inoltre il film partiva, almeno qui in Italia, con enormi dubbi: il punteggio su Rotten Tomatoes è impietoso e dal momento in cui la pellicola uscì negli Stati Uniti sono iniziate ad arrivare una dietro l'altra recensioni negativissime, con tanto di articoli in cui il regista Josh Trank spiegava il perchè il film fosse uscito così brutto. Cosa per nulla confortante, ma che andava, per forza di cose, vista con i propri occhi. E, dopo averla vista con i miei occhi, posso dire che questa roba è uno schifo assurdo!

I Fantastici 4 sono questi:

Miles Teller 


Lui interpreta Reed Richards / Mr. Fantastic, l'uomo allungabile su cui dall'alba dei tempi ci si fanno domande riguardanti il dubbio se quest'uomo possa davvero allungare qualsiasi parte del suo corpo. Il suo passato vede anche la partecipazione al capolavoro "Whiplash" - e per questo film bisogna rispolverare la tipica frase di dissenso "Not quite my tempo!" - ed in questo film ritorna ad essere un gran bimbominkia la cui storia finisce per interessarci davvero poco.

Michael B. Jordan


Altro attore con un nome piuttosto importante, che ha saputo ritagliarsi nel corso della sua ancora breve carriera qualche particina interessante come quella in "Prossima fermata: Fruitvale Station". Peccato che in futuro parteciperà all'ennesimo revival della saga di Rocky con lo spin-off "Creed" - per il quale vedremo, non voglio giudicare prima di aver visto -. Lui interpreta Johnny Storm / La Torcia Umana e ovviamente è protagonista di una scena di presentazione totalmente casuale in cui guida in maniera spericolata una macchina per far vedere che lui è un ribbbbbbelle che ama la velocità e le automobili.

Jamie Bell


Interpreta Ben Grimm / La Cosa ed è forse il personaggio più inutile dell'intera pellicola. Finisce invischiato nel progetto scientifico degli altri tre in maniera totalmente casuale, ovvero solo grazie alla sua amicizia con Reed, e finisce anche ad essere il più sfigato dei quattro, usato come macchina da guerra ed esaltato per le sue uccisioni in battaglia.

Kate Mara


Lei dei Fantastici 4 è l'unica davvero fantastica. O per lo meno, per me è più che altro gnocca. Anche lei ha partecipato a qualcosa di importante come ad esempio la prima stagione di "House of Cards" e la prima stagione di "American Horror Story" e qui interpreta Susan Storm / La Donna Invisibile. Essendo in pratica l'unica donna del film - ed essendo anche la più pheega - mi pareva giusto dargli un ruolo in cui si rischia di vederla poco in scena.

E poi alla fine c'è il cattivo, il Dottor Destino, interpretato da Toby Kebbell, un cattivo che si vedrà soltanto nei dieci minuti finali e che non sarà mai una vera e propria minaccia per i quattro.



ATTENZIONE SPOILER

Il film procede in maniera totalmente casuale per tutta la sua durata, presentandoci dei personaggi piuttosto rincoglioniti per i quali tutta la questione che sta dietro alla sceneggiatura di questo film appare piuttosto casuale. In questa pellicola d'altronde la sceneggiatura, quel poco che serve nei film sui supereroi, è realmente buttata giù a casaccio: i quattro protagonisti si trovano a collaborare in maniera casuale, si trovano ad avere i poteri a causa del rincoglionimento totale del signor Storm - il padre di Johnny e padre adottivo di Sue - che preferisce mandare loro nel pianeta zero piuttosto che degli astronauti addestrati - cazzo, non sia mai, d'altronde chi costruisce i razzi spaziali è anche SEMPRE andato nello spazio come astronauta, vero? -. Una volta acquisiti i poteri vengono messi in scena un paio di salti temporali inutili in cui i nostri quattro sono protagonisti di qualche sessione di gioco con i loro poteri e poi, all'improvviso, arriva il cattivone che, in quattro e quattro otto, esce dal pianeta Zero, fa un po' di casino sulla Terra, torna nel pianeta Zero e viene sconfitto dai Fantastici 4 che, fino ad allora, non avevano mai lavorato insieme. 

Voto: 3

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...