martedì 6 ottobre 2015

Straight Outta Compton (2015)

USA 2015
Titolo Originale: Straight Outta Compton
Regia: F. Gary Gray
Sceneggiatura: Jonathan Herman, Andrea Berloff
Cast: Ice Cube, Corey Hawkins, Jason Mitchell, Aldis Hodge, Neil Brown Jr., Paul Giamatti, Marlon Yates Jr., Corey Reynolds, Nate Ellington, Alexandra Shipp, Angela Elayne Gibbs, Bruce Beatty, Lisa Renee Pitts, Keith Stanfield, R. Marcus Taylor, Sheldon A. Smith, Carra Patterson, Elena Goode, Keith Powers, Mark Sherman, Camryn Howard, Cleavon McClendon, Rogelio Douglas Jr., Steve Turner, Tyron Woodley, LaDell Preston, Jordan Can, J. Kristopher, Stephanie Campbell, Marcc Rose, Brandon Lafourche
Durata: 138 minuti
Genere: Drammatico, Musicale

Tra le uscite cinematografiche dello scorso weekend avevo segnalato il fatto che "Straight Outta Compton", film che raccontava la breve carriera della crew gangsta rap degli N.W.A, fosse una pellicola da tenere d'occhio. Da dichiarato non amante del genere rap, ho sempre avuto una certa predilezione per il sottogenere del gangsta-rap, con esponenti come Tupac - beh, con lui si vince facile in quanto a gusti hip-hop - e Coolio - la sua "Gangsta Paradise" è uno dei miei brani rap preferiti - che alla fine è quello che ha più messaggi da mandare agli ascoltatori. Se voi ragazzetti pensate che i rapper italiani siano degli esponenti di un certo tipo di gangsta-rap, carissimi, non avete proprio capito un cazzo. D'altronde qui come esponenti del genere abbiamo tamarri di Cologno che hanno iniziato la propria carriera cantando canzoni sulla Marijuana venti anni fa e ancora oggi cantano canzoni sulla Marijuana e la gente li ascolta estasiati - si, J-Ax, che abiti proprio qua "vicino" a casa mia, sto proprio parlando di te - ed ovviamente non c'entrano un cavolo con quello che è il genere.

"Straight Outta Compton" come detto parla della carriera degli N.W.A., forse i veri e propri pionieri del genere, o comunque il gruppo di rapper che ha rivoluzionato il modo di fare musica dalla fine degli anni '80 fino ad oggi. D'altronde i suoi maggiori esponenti, come Ice-Cube e Dr. Dre fanno ancora parte della scena e producono dischi di artisti che stanno conoscendo attualmente una fama straordinaria. C'è poi anche da sottolineare il ruolo nella vicenda di Eazy E, il leader carismatico della crew, morto di AIDS nel momento in cui, dopo mille e mille litigi e faide discografiche, stava tentando di riunire la sua band per un ultimo concerto.

Nel raccontare tutto questo il film risulta crudo e realistico, per nulla edulcorato da tutte quelle difficoltà che gli artisti in questione hanno sopportato nella loro vita, dell'enorme celebrità arrivata forse troppo in fretta per poterla gestire al meglio. Certo è che quando non hai niente e tutto ad un tratto vedi tutti quei soldi è difficile non perdere la testa, eppure si vede come ad esempio sia Dr. Dre, sia Ice Cube siano riusciti a rimanere in qualche modo con i piedi ben piantati per terra sarà forse perché Eazy E con il suo manager si pappavano un po' tutto come mostra la pellicola? Oltre a tutto ciò il film funziona anche dal punto di vista registico, con una regia che non ci offre delle inquadrature ricercate o iperartistiche, ma riesce comunque ad essere funzionale alla storia anche con qualche movimento di camera non proprio pulitissimo.

Ultimo, ma certamente non meno importante - anche se in un film del genere dovrebbe essere forse la cosa più importante - tutto l'impianto musicale, che ci offre i brani più forti e più famosi della band, alcuni dei quali - contro ogni pronostico, li conoscevo pure io, mentre altri ho provveduto subito ad inserire nella playlist di Spotify. Come mi aspettavo, dunque, "Straight Outta Compton" è un film che riesce a tratti a fomentarti, a tratti anche a farti emozionare, facendoti entrare in un turbinio di emozioni dal quale risulta difficile uscire istantaneamente al termine della visione.

Voto: 8-

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...