lunedì 20 marzo 2017

Lucy di Luc Besson (2014)

Francia 2014
Titolo Originale: Lucy
Regia: Luc Besson
Sceneggiatura: Luc Besson
Cast: Scarlett Johansson, Morgan Freeman, Min-Sik Choi, Amr Waked
Durata: 90 minuti
Genere: Azione, Fantascienza, Thriller


Ore 16.36 di domenica pomeriggio. Una noia mortale.
Moglie e figlia sono fuori per una festa di compleanno. Io invece da solo a casa.
Di fronte a me una parete piena di steelbooks (se non sai cosa sono trovi il mio sito web qui). Alcuni di questi li ho comprati senza averli mai tolti dalla confezione e di conseguenza senza aver avuto il piacere di guardare il film che proteggono.

Tra questi un mezzo volto di Scarlett Johansson che mi guarda fisso. Lo sfondo bianco evidenzia il titolo: Lucy.


Conoscevo il film, avevo visto qualche trailer visto che anche io come Alfonso (autore di questo blog) gestisco un sito web sul Cinema e mi reputo un malato cronico di una delle arti più belle mai realizzate.

Lucy in me però non ha mai avuto nessun appeal. Fino ad ora almeno.
Ho sempre snobbato il cinema francese.
In particolare per Luc Besson, il primo film visto fu proprio l'odioso "Il Quinto Elemento", film che secondo me è da evitare come la peste!

Però, preso dalla noia della domenica pomeriggio, apro lo steelbook di Lucy e lo inserisco nel mio lettore bluray.
A coinvolgermi a più non posso un impianto home cinema di tutto rispetto per la felicità mia e dei miei vicini (si fa per scherzare).

L’aspettativa che ho avuto nei primi 10 minuti è stata la stessa che ho avuto per gli altri film di Luc Besson: NESSUNA.
Ma, come solo il Cinema riesce, sono rimasto favorevolmente sorpreso. E Besson con me è bravo in questo.

Il film racconta la storia di una venticinquenne trascinata dal proprio fidanzato a portare una valigetta in sua vece. La valigetta deve essere data a un gruppo di criminali coreani che però la rapiscono e uccidono il fidanzato Richard.
A questo punto la nostra Scarlett “Lucy” Johansson viene usata dal gruppo criminale come corriere della droga: una busta piena di droga artificiale viene inserita chirurgicamente nello stomaco. Ma qualcosa va storto e, dopo un diverbio con uno dei suoi rapitori, dentro di lei la busta si rompe sprigionando tutta la sostanza. Per una strana reazione chimica questo evento scatenerà al massimo i suoi sensi facendola diventare una sorta di ragazza con superpoteri. Fino a quando… basta. Non voglio raccontarti tutto.


Il film scorre.
Scorre molto velocemente e, nonostante il tema trito e ritrito del “il nostro cervello lavora solo in piccola percentuale” e “chissà cosa faremmo sfruttandolo al 100%” il film mi è piaciuto.
Mi è piaciuto perché l’interpretazione di Scarlett è stata superba.
Non riesco a immaginare altra attrice al posto suo.
Inoltre riprende un tema caro a Luc Besson: il ruolo dell’eroe è tutto femminile.
Un po’ come avvenuto già con Nikita. E a me questo piace molto.
Un film d’azione, diverso dal solito, che vede come attore protagonista anche un sempreverde Morgan Freeman. Le musiche adatte ai ritmi incalzanti e una trama (migliorabile) che lascia alla fine del film un grande interrogativo. Ma nessuno di noi vuole la risposta. Va bene così.

Grande difetto del film?
Diciamoci la verità: se una busta di plastica con dentro della droga sintetica (qualche kg) ti si rompe nello stomaco e permette alla droga di essere assorbita dal tuo fisico… tu non diventi un supereroe. Tu muori.
Non era possibile pensare a una cosa leggermente diversa per giustificare le imprese di Lucy per tutto il film?

Momento epico del film?
Quando Lucy, dopo aver realizzato di aver sviluppato un’ultra percezione, chiama la madre al telefono dicendo che riesce perfino a ricordare il suo profumo subito dopo essere nata. Se siete adeguatamente sensibili, piangerete insieme alla protagonista.


Voto e Conclusioni
Non amo gran parte del cinema francese, ma lo vedo spesso. In compenso però guardo con piacere tutti i film di Luc Besson. Non ho mai grandi aspettative da lui, ma come già successo per Leon e Nikita riesce quasi sempre a sorprendermi. Sarà che il primo suo film che ho visto fu proprio Il Quinto Elemento???
Questo film per me rimane un film da vedere almeno una volta nella vita. Anche se non ti piacciono i film di azione, o quelli supereroistici, o quelli di fantascienza, ti consiglio vivamente di guardarlo perché troverai una Scarlett Johansson meravigliosa, straordinariamente brava e adatta al ruolo che copre. Una regia che mai, dico MAI, ti farà annoiare e una trama che, così come è stata sviluppata, ti lascerà un po’ di amaro in bocca e qualche dilemma esistenziale.
Il film non è perfetto (anzi), ma va benissimo per un pomeriggio di domenica. E a proposito dei vicini di casa: ti consiglio di usare le cuffie. Il film è abbastanza “caciarone”.


Voto:  4 su 5

5 commenti:

  1. Purtroppo da Besson ho imparato a non aspettarmi più nulla, soprattutto dopo tre dei miei film preferiti (Leon, Nikita e Il quinto elemento) la sua carriera è stata una terribile discesa.
    Questo Lucy però mi era piaciuto: niente di trascendentale ma divertente e con una protagonista in splendida forma!

    RispondiElimina
  2. Per quanto Rossella Di Giovanni sia sempre guardabile, ho trovato il film un allegra stupidata, la nostra Scarlett è l’obelisco di “2001” ;-) Gli innesti con le scene da documentario, hanno trasformato la mia visione nel film in una risata continua, non mancano le idee sfiziose, ma Besson boh, mi sembra lontano dai suoi tempi migliori, dove mi incantava con baracconate ancora più grosse. Cheers

    RispondiElimina
  3. Eh sì, un gran bel film che mi ha davvero sorpreso, anche se addirittura mi aspettavo qualcosa di ancor migliore, soprattutto inutili secondo me sono le immagini da 'documentario' ;)

    RispondiElimina
  4. Io l'ho trovato piuttosto godibile, ma il merito credo sia più di Scarlett che di Luc. :)

    RispondiElimina
  5. Sì dai, film guardabile, niente di eccellente ma stupidino al punto giusto. E Scarlatta è sempre un bel vedere!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...