martedì 4 aprile 2017

Ring 2 di Hideo Nakata (1999)


Giappone 1999
Titolo Originale: リング2 Ringu 2
Regia: Hideo Nakata
Sceneggiatura: Hiroshi Takahashi
Cast: Miki Nakatani, Rikiya Otaka, Yurei Yanagi, Hitomi Sato, Kyoko Fukada, Rie Ino'o, Yôichi Numata, Masako, Nanako Matsushima, Hiroyuki Sanada
Durata: 92 minuti
Genere: Horror


Procede a vele spiegate l'avventura di questo blog dedicata all'intera saga di "The Ring", nel quale verranno esplorati tutti i film giapponesi, tutti quelli americani e anche i due spin-off fino ad arrivare alla recente uscita americana "The Ring 3" e questa volta tocca al secondo capitolo della saga giapponese. Prima di parlarne però bisogna svelare un retroscena che magari non tutti conoscono, forse solo i fan accaniti della saga: il secondo capitolo, in Giappone, è uscito solamente pochi mesi dopo l'uscita di "Ring" e si intitolava "Spiral". Era ispirato al seguito del romanzo originale, ma ebbe talmente poco successo in patria - a differenza dell'enorme successo del film precedente - che agli annali si ritiene che il sequel ufficiale di "Ring" sia il "Ring 2" diretto dallo stesso Hideo Nakata che aveva diretto il primo capitolo, mentre "Spiral" è praticamente finito nel dimenticatoio. Per completezza di questa serie di recensioni avrei voluto recuperare anche "Spiral", ma purtroppo, nonostante abbia pregato gli dei di tutte le religioni tranne quello cattolico, non c'è proprio stato modo di recuperarlo.
"Ring 2" parte con la sua narrazione qualche tempo dopo la fine del capitolo precedente, con la protagonista Mai Takano che sta cercando delle risposte sulla morte improvvisa di Ryuji. Si imbatte nella sua ex moglie Reiko, la protagonista del primo film, e nel figlio Yoichi, che sta progressivamente iniziando a manifestare i poteri di Sadako, rimanendo però inspiegabilmente muto. Da fan della saga originale dedicata al demone Sadako - che secondo me rimane ad ora una delle invenzioni più originale degli ultimi venti anni per quel che riguarda il cinema horror - mi sono trovato, per iniziare a scrivere questo speciale sul mio blog, a rivedere tutti i tre film che la compongono, per poi dedicarmi anche a quelli che non avevo visto - come ad esempio gli spin-off -. Rivedendo questo secondo capitolo dopo qualche anno rispetto alla mia prima visione, mi sono trovato ad avere delle sensazioni nettamente differenti.
Rimangono valide le considerazioni fatte su un modo di girare gli horror che solo i registi giapponesi - ma secondo me un po' quelli orientali in generale - riescono ad avere e che a me, personalmente, è sempre piaciuto parecchio nonostante molti si fermino all'apparente lentezza della narrazione. Una narrazione che in questo secondo capitolo della saga originale, alla visione di poche settimane fa, mi è parsa piuttosto confusionaria, attenta com'è la regia di Hideo Nakata nel tentare di spiegare in qualsiasi modo possibile quale sia l'origine della maledizione di Sadako e come essa colpisca. Il regista nel girare questo film si sarà sicuramente posto tantissime domande al quale ha tentati di dare risposta, lasciando però che la storia che gira attorno a Sadako perdesse il suo innegabile fascino. Tanto insuperabile era il suo primo capitolo, quanto questo secondo risulta limitato da spiegazioni che fanno perdere un po' di quella mitologia che si viene a creare attorno al personaggio principale della vicenda.
Laddove il primo capitolo non tentava di spiegare, lasciando intuire allo spettatore ciò che stava succedendo e soprattutto mostrando Sadako il meno possibile - ed è qui la vera trovata geniale, replicata ottimamente anche nel remake americano che, anticipo, per me è quasi allo stesso livello dell'originale -, questo secondo capitolo, per quanto sia un più che degno secondo capitolo attenzione, si perde in spiegazioni che magari noi spettatori non volevamo avere, tanto eravamo rimasti affascinati dal mistero che ruotava intorno alla "bambina di The Ring".

Voto: 6,5

5 commenti:

  1. Cade nella tentazione dello spiegone, ma secondo me anche in reazione al fatto che “Spiral” sia stato ignorato, ci deve essere un legame tra le due cose. Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazz, avessi visto Spiral! Non riesco proprio a procurarmelo in alcun modo!

      Elimina
  2. L'ho visto di sicuro ma lo ricordo pochissimo. E' quello che finisce con l'esorcismo a base di TV e piscine oppure me lo confondo come Spiral/Ringu 0?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è proprio quello! Spiral purtroppo non ho trovato alcun modo per recuperarlo, anche se avrei voluto farlo...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...