lunedì 17 settembre 2012

La talpa

Regno Unito, Francia 2011
Titolo Originale: Thinker, Tailor, Soldier, Spy
Regia: Tomas Alfredson
Cast: Gary Oldman, Colin Firth, Tom Hardy, Mark Strong, Ciarán Hinds, Benedict Cumberbatch, Toby Jones, John Hurt, David Dencik, Stephen Graham, Simon McBurney, Kathy Burke
Genere: Spionaggio, Thriller


La trama in breve: Il film parla delle indagini all'interno del "Circus" per scovare la talpa, una spia doppiogiochista al soldo dei sovietici, infiltratasi nei servizi segreti britannici e riuscita ad arrivare ai piani alti.



In Italia quando viene nominata "La Talpa", l'appartenente al pubblico televisivo medio si ricorderà quel reality show in cui c'era uno che giocava contro il gruppo ( e tutti, ma proprio tutti, avevano già capito in anticipo che si trattava di Franco Trentalance). Ora, come è ovvio e spero abbiate capito, non vi vorrò parlare di quel programma televisivo, ma del film che è uscito in Italia all'inizio di quest'anno.


Vi confesso che questo film l'ho preso in mano due volte. La prima, non so per quale motivo, forse ero stanco, forse chissà che cosa, dopo venti minuti sono crollato clamorosamente come fossi sotto l'effetto di Rohypnol. E chissà cosa mi hanno fatto nel periodo di tempo in cui ero addormentato. Quindi mi sono ripromesso, un giorno o l'altro, che avrei ripreso in mano questo film. E forse ho capito bene bene chi è stato a darmi il Rohypnol quella sera.


Intendiamoci eh, il film tecnicamente è impeccabile, come ormai le produzioni della Gran Bretagna ci hanno abituato da un po'. Thomas Alfredson, regista della pellicola che avevo già avuto modo di vedere nell'ottimo "Lasciami entrare", ha grande padronanza del mezzo e ci tiene a farlo vedere. Gli interpreti, tra cui spiccano Colin Firth e Gary Oldman, ci offrono delle buonissime prove recitative, ma il film ha qualcosa che lo rende difficile, davvero troppo difficile forse.


Cosa ha che non va questo film? Beh, l'avrete capito dall'introduzione penso. E' immensamente troppo troppo lento. Ok, la lentezza è funzionale al racconto che viene narrato, all'ambiente di spionaggio e al clima noir che si vuole dare all'intera pellicola. Questo è spionaggio vero, non di quelli che ci vengono fatti vedere di solito (007 non lo considero neanche), qui si devono indagare tutte le parti e le controparti, noi dobbiamo vedere tutto e essere al corrente di tutto quello che viene fatto dai protagonisti.


Ecco perchè un film che dal punto di vista tecnico risulta assolutamente una visione quasi imprescindibile, risulta difficile per gli spettatori. Se vi piace lo spionaggio, ma quello vero vero, potete guardarlo. Altrimenti dormirete.


Voto: 5/6

2 commenti:

  1. Noi l'abbiamo visto al cinema. Il risultato è che, su tre spettatori, due si sono addormentati e l'altro ha resistito a fatica. Il punto è questo: il cinema deve saper smuovere le anime. Se anche un film è perfetto, straordinario nella forma, eccezionale nella tecnica, ma tutti si addormentano, c'è qualcosa che non va.

    RispondiElimina
  2. E' proprio il difetto più grosso di questo film. Perfetto tecnicamente, ineccepibile da quel punto di vista, ma non prende. Non prende proprio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...