lunedì 18 maggio 2015

Arrow - Stagione 3

Arrow
(serie TV, stagione 3)
Episodi: 23
Creatore: Greg Berlanti, Marc Guggenheim, Andrew Kreisberg
Rete Americana: The CW
Rete Italiana: Premium Action, Italia 1
Cast: Stephen Amell, Katie Cassidy, David Ramsey, Emily Bett Rickards, Colton Haynes, John Barrowman, Willa Holland, Paul Blackthorne
Genere: Azione

Se qualcuno dopo una prima stagione abbastanza buona ma non propriamente eccelsa mi avesse detto che la serie TV dedicata ad Arrow sarebbe cresciuta in questo modo nel corso del tempo, sicuramente non ci avrei creduto. Infatti il trend generale delle serie TV, soprattutto quelle che vengono mandate in onda in america sulle TV gratuite, è quello di creare una prima stagione abbastanza sorprendente, che quasi sempre rappresenta poi il punto più alto raggiunto dalla serie. Con "Arrow" per fortuna non è stato così: il trend è stato in salita con una prima stagione decisamente guardabile, una seconda più buona e una terza, quella appena conclusasi, davvero godibilissima.

Non è infatti un caso che la rete The CW punti un sacco su queste nuove serie supereroistiche basate su personaggi della DC Comics, creando tra di loro crossover e continui spin off. D'altronde la mole di personaggi introdotti in questa nuova stagione è stata davvero enorme e sia l'azione sia la componente umana non hanno per nulla latitato. Certo, i fan ci hanno provato a far rovinare tutto ai produttori della serie con le loro stupide ed idiotissime ship (mai termine mi rompe più i coglioni di quando mi imbatto su Facebook e leggo "io shippo Oliver con Felicity, Thea con Roy, il cane della moglie del fratello di Diggle con  la cagna della suocera dell'amico fraterno di Malcolm Merlyn di cui nessuno sa il nome), che notoriamente quando seguono il volere dei fan fanno dei bei e grossi disastri (vedi "The Vampire Diaries"), ma che stavolta, pur seguendolo, sono riusciti a non fare pesare la cosa in maniera notevole.

Dal punto di vista della trama, ormai lo stile è più o meno sempre lo stesso da tre anni a questa parte: alternare le vicende principali di Starling City con quelle del passato di Oliver Queen mentre era dato per morto. All'inizio questi flashback in realtà li trovavo abbastanza interessanti, tanto da completare la storia principale, ora sono diventati una buona occasione, mentre guardo la puntata, per rispondere ai messaggi su Whatsapp. Tenete dunque del conto che su una serie che mi piace così tanto (beh, forse è meglio non esagerare) una sua componente la eliminerei totalmente.

Gli eventi a Starling City invece sono delle vere e proprie bombe: si parte subito con l'omicidio di Sara Lance, per poi passare a vedere Laurel che tenta di prendere il suo posto, entrano in scena nuovi supereroi, ma soprattutto il cattivo più cattivo di tutti, quel Ra's Al Ghul che durante il finale di metà stagione ha fatto tremare tutti i fan della serie, anche se non ho ancora capito come potessero lontanamente pensare che la morte di Oliver Queen per mano di Ra's fosse reale e concreta. D'altronde siamo in "Arrow", dove il protagonista è ben definito, non in "Game of Thrones" dove chiunque potrebbe crepare da un momento all'altro. Il vero e proprio salto di qualità lo si ha dunque proprio nel momento in cui entra in gioco Ra's Al Ghul e con le puntate finali, con Oliver costretto ad abbandonare la sua identità per diventare Al Sah-Him e salvare sua sorella (con cui io mi shippo sin dai tempi di O.C., tanto per sottolinearlo), si assiste ad una vera e propria apoteosi a livello di contenuti.

Voto: 7+

2 commenti:

  1. Uff... devo ancora vedere la prima ma non è che mi stuzzichi molto come idea, nonostante abbia promesso la cosa a morosa e amici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per gli amici fa nulla, ma se lo hai promesso alla Jeanna Jacqua devi vederlo per forza

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...