giovedì 10 novembre 2016

WEEKEND AL CINEMA!

Come ogni Giovedì si rinnova l'appuntamento con le uscite cinematografiche della settimana che, come al solito, verranno commentate secondo i miei pregiudizi, tutte e dodici - se si escludono i tre documentari che sapete come la penso -.


A spasso con Bob di Roger Spottiswoode

Il primo film della lista di questa settimana ci racconta del rapporto tra un uomo e il suo gatto. E siccome io non amo proprio per nulla i film che parlano del rapporto di amicizia che c'è tra l'uomo e l'animale questo lo salterò bellamente senza farmi troppi problemi.


Che vuoi che sia di Edoardo Leo


Edoardo Leo è un attore che ultimamente sto apprezzando abbastanza e che anche come regista, se ci limitiamo all'unico film da regista che ho visto, il carinissimo "Noi e la Giulia", devo dire che non se la cava per nulla male. La speranza dunque è che anche questa commedia, con lo stesso regista come protagonista e con la presenza di Anna Foglietta e Rocco Papaleo, possa rivelarsi divertente e interessante in questa annata davvero straordinaria per il cinema italiano.


Genius di Michael Grandage

Cast di tutto rispetto, tra cui spiccano Colin Firth e il giovane papa Jude Law, dedicato alla storia di Maxwell Perkins, editore artefice del lancio di scrittori come Hemingway e Fitzgerald. Sarà anche questo film all'altezza degli scrittori lanciati dal protagonista della vicenda? Sinceramente ho qualche dubbio, ma qualche centesimo su questo film lo scommetterei anche.


Knight of Cups di Terrence Malick

Mi sono messo alla prova ben due volte con il cinema di Terrence Malick e devo dire che la fatica è stata tanta, se non tantissima. Capisco che, quando un regista viene osannato a destra e a mancina, il problema della scarsa comprensione potrebbe essere esclusivamente il mio, però non so se ho tutta questa voglia di mettermi alla prova anche con questo suo ultimo lavoro.


La ragazza del mondo di Marco Danieli

Su quest'altro lavoro italiano in uscita questa settimana non so bene come pormi: da una parte potrebbe essere una visione interessante, che può andare al di là dei soliti schemi delle pellicole sentimentali; dall'altra potrebbe anche essere un polpettone pesantissimo che segue pedissequamente tutti gli schemi delle pellicole sentimentali, che mi sono venute un po' a noia in questi ultimi anni.


Masterminds - I geni della truffa di Jared Hess

Io ogni volta che al cinema vedo il trailer di questo film mi spacco letteralmente dal ridere: sembra essere una commedia idiota e cazzona come piace a me, ma a paura è che le scene migliori se le siano giocate tutte nel trailer. Speriamo di no.


Morgan di Luke Scott

Essendo un horror/thriller e per giunta con Kate Mara come protagonista, sono abbastanza sicuro che lo vedrò. Poi si potrebbero fare mille discorsi sugli horror contemporanei e palle varie, ma io, comunque, nel dubbio, sparo e me lo vedo.


Sing Street di John Carney

La trama di questa pellicola, per lo meno quella scritta sul mio sito di fiducia Coming Soon, non è che dica molto. Eppure, questo film musicale che non sembra essere un musical a tutti gli effetti, un po' mi ispira. Se dovessi trovarlo disponibile nei cinema vicino a me potrei farci un pensierino.


Fai bei sogni di Marco Bellocchio

Si potrebbero fare battute di cattivo gusto sui titoli dei film di Bellocchio, ma questo film, che era tra i papabili candidati italiani per concorrere all'Oscar - poi è stato scelto "Fuocoammare" - potrebbe essere l'ennesima conferma di questa annata in cui il cinema italiano batte a mani basse tutte le uscite che ci sono arrivate dall'Europa e anche buona parte di quelle statunitensi.


Fratelli di sangue di Pietro Tamaro

Film action all'italiana che, detto sinceramente, non mi ispira per nulla. Stavolta passo.


I cantastorie di Gian Paolo Cugno

Film sulla crisi economica. Direi, a occhio, come sopra.


La leggenda di Bob Wind di Dario Migianu Baldi

Come sopra 3.0.

3 commenti:

  1. Settimana scarsetta, però vorrei vedere il nuovo Malick, alla fine non ne perdo mai uno.
    Visto che ultimanete è prolifico meglio approfittarne. Cheers!

    RispondiElimina
  2. Cosa hai già visto di Malick? Io al tempo mi ero innamorato follemente de La Sottile Linea Rossa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Tree of Life e To the Wonder. Una fatica con entrambi!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...