mercoledì 15 febbraio 2017

Una serie di sfortunati eventi - Stagione 1

Una serie di sfortunati eventi
(serie TV, stagione 1)
Episodi: 8
Creatore: Mark Hudis
Rete Americana: Netflix
Rete Italiana: Netflix
Cast: Neil Patrick Harris, Patrick Warburton, Malina Weissman, Louis Hynes, K. Todd Freeman, Presley Smith
Genere: Commedia, Avventura


Come ormai saprete, seguo con molta attenzione quella che è la programmazione seriale di Netflix, in grado di regalarci, nel corso del suo ormai anno e mezzo di vita qui in Italia, produzioni originali di altissimo livello, cercando di espandersi sia su molti argomenti sia in molti paesi con produzioni originali per ogni nazione. Attendevo dunque con una certa curiosità la trasposizione seriale di "Una serie di sfortunati eventi", di cui ammetto di non aver mai letto la serie di romanzi di Lemony Snicket, ma di cui ho visto il film con Jim Carrey, basato sui primi tre romanzi della saga, davvero carino e per il quale ancora non mi spiego il perchè non abbiano proseguito la saga. L'idea però di vedere Neil Patrick Harris alle prese con l'interpretazione del Conte Olaf mi attirava parecchio, anche perchè pensavo fosse un ruolo tagliato dal sarto per lui e per il quale avrebbe dato il meglio di sè.
A dirla tutta sono state proprio la sua interpretazione e la leggerezza generale delle trame degli episodi, che a due a due traspongono rispettivamente un libro e dunque la prima stagione, composta da otto episodi, risulta essere la trasposizione dei primi quattro romanzi della saga, a convincermi a proseguire nella visione, che seppur carina, simpatica e quante altre cose volete, bisogna dire che è parecchio ripetitiva. D'altronde stiamo parlando di "Una serie di sfortunati eventi", motivo per cui aspettarsi una gioia ogni tanto per i due protagonisti Violet e Klaus Baudelaire, interpretati rispettivamente da Malina Weissman e Louis Hynes, sarebbe stato parecchio pretenzioso, ma già dal secondo episodio si capisce quale sarà lo schema generale di ogni coppia di puntate: i due riescono a fuggire da Olaf che in qualche modo e con qualche improbabile travestimento li ritrova e per loro inizieranno le sfighe.
Insomma, bene, ma non proprio benissimo per quel che riguarda questa prima stagione di "Una serie di sfortunati eventi", che vive eccessivamente sulla sponsorizzazione ottenuta sia dalla produzione da parte di Netflix sia dalla presenza di Nei Patrick Harris come protagonista/antagonista della vicenda, ma che alla fine può davvero piacere ed essere adorata solo dai fan di vecchia data dei romanzi di Lemony Snicket e per la quale, presto, la ripetitività delle trame comincia a dare abbastanza noia.

Voto: 5,5

4 commenti:

  1. Concordo in pieno, ho terminato di scriverne ieri, solo perchè ho faticato ad arrivare alla fine, le idee ci sono, Neil Patrick Harris è bravissimo, ma per lap rima volta dopo anni, mi sono ritrovato a pensare che il film era meglio della serie tv, un inversione rispetto alla tendenza recente. Cheers

    RispondiElimina
  2. Credo di essere l'unica blogger in tutta Italia ad andare controcorrente e a dire che io l'ho trovata adorabile. Ma probabilmente sono anche una delle poche a non essersi fatta una maratona di tutti gli episodi e ad avere così diluito la "ripetitività" delle situazioni (per altro, MOLTO meno ripetitive rispetto ai primi volumi della serie cartacea, eh).

    RispondiElimina
  3. Io gli ho concesso solo la prima puntata! Giacchè non sono un'amante delle serie guardo solo quelle che meritano, questa non mi ha convinta proprio.

    RispondiElimina
  4. Anche per me un prodottino potenzialmente carino, che però purtroppo affoga nella noia.
    Un mezzo diludendo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...