mercoledì 5 aprile 2017

Ring 0: The Birthday di Norio Tsuruta (2000)


Giappone 2000
Titolo Originale: リング0 バースデイ Ringu 0 - Bāsudei
Regia: Norio Tsuruta
Sceneggiatura: Kôji Suzuki
Cast: Yukie Nakama, Seiichi Tanabe, Kumiko Aso, Yoshiko Tanaka, Ryûji Mizukami, Takeshi Wakamatsu, Kaoru Okunuki, Daisuke Ban, Tsukasa Kimura, Junko Takahata, Masako
Durata: 95 minuti
Genere: Horror


Dopo aver raccontato la storia del demone Sadako, che colpiva le sue vittime dopo che esse avevano guardato una spaventosissima videocassetta, in "Ring" e nel suo seguito "Ring 2", anche i giapponesi cascano nella tentazione - che dal 2000 ad oggi è diventata tutta americana - di girare un prequel che spiegasse le origini di Sadako, o, ancora meglio, la storia di una bambina rifiutata dai genitori, gettata e chiusa in un pozzo che, misteriosamente continua a colpire le persone dall'oltretomba. Insomma, l'idea che sta alla base di questo prequel è quella di girare uno spiegone, un'idea che già era stata il grosso punto debole di "Ring 2" - il tentare di spiegare cose facendo perdere buona parte del fascino del film per lo spettatore - e che qui viene portata all'ennesima potenza.
In realtà la cosa non sarebbe un male a livello assoluto, se solo il film non fosse girato in una maniera che si discosta in maniera piuttosto evidente rispetto agli altri due capitoli della saga e per la quale si vede il totale cambio di mano che c'è tra Norio Tsuruta e l'Hideo Nakata regista dei primi due film. Un cambio di mano che alla fin fine dà relativamente fastidio. Invece da lodare il tentativo da parte di regista e sceneggiatore di scavare nell'animo umano di Sadako, cercando di riabilitarla come persona e di dare una giustificazione alla spirale di odio in cui è caduta, odio che poi è stato riportato all'interno della videocassetta assassina che noi tutti conosciamo.
Purtroppo nonostante le poche cose buone che si vedono in questo prequel, la sensazione è un po' quella di ritrovarsi davanti a qualcosa di già visto, una risoluzione piuttosto banale di una vicenda che con il primo capitolo era riuscita a terrorizzare lo spettatore con quel suo ritmo glaciale e con un modo di costruire la tensione davvero intrigante. Terrore che siamo ben lontani dal provare in questa chiusura del cerchio e tensione che non si innalza mai dai tipici livelli di guardia e per il quale, purtroppo, l'effetto dovuto alla "spiegazione" della vicenda è quello che un po' tutti temono quando in un horror si mostra troppo: la tensione e il fascino della vicenda calano in maniera clamorosa.

Voto: 5

1 commento:

  1. Visto una volta sola, non mi emozionò più di tanto, dici bene mostrare troppo spesso non fa bene agli horror. Cheers

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!