giovedì 25 agosto 2016

WEEKEND AL CINEMA!

Dopo le molte settimane in cui i nostri cinema non è che siano proprio stati invasi, nè dai film nè dalla gente, ecco che si torna ad una programmazione normale, o quasi, con ben otto film in uscita. Per la qualità se ne potrebbe discutere, e iniziamo a farlo ora, in maniera pregiudizievole, seguendo quelle che sono le mie sensazioni riguardo i film che vedremo in sala da oggi!


L'Era Glaciale: In rotta di collisione di Mike Thurmeier, Galen T. Chu

Una saga che giunge al suo quinto e a quanto pare ultimo capitolo e che dimostra ancora una volta la sua stanchezza. Dopo i primi tre capitoli piuttosto riusciti e un quarto piuttosto deludente, questo quinto ed ultimo episodio non sembra poter risollevare le sorti della saga per chiuderla in maniera degna. Avendoli visti tutti finora, però, per completezza, potrei anche dargli un'opportunità.


Escobar di Andrea Di Stefano

Ho già sentito parlare di questo lavoro del 2014 sulla vita del più grande spacciatore di droga della storia sudamericana e non è che ne abbia sentito parlare proprio bene. Dal trailer il film sembra non avere nulla a che fare, in quanto ad interesse, con il capolavoro di Netflix "Narcos".


Il clan di Pablo Trapero

Altro film tratto da una vera storia di criminalità sudamericana, stavolta direttamente dall'Argentina. Forse non sarà nulla di particolarmente originale, ma la storia sembra essere abbastanza interessante,


Il diritto di uccidere di Gavin Hood

Stavolta si va in Gran Bretagna, dalla quale arriva un film sulla guerra e su coloro che cadono, o potrebbero cadere, vittime di essa. Il cast è di alto livello, il contenuto invece sembra essere parecchio moraleggiante. Film interessante, ma con qualche riserva.


Ma Loute di Bruno Dumont

Pellicola francese presentata in concorso all'ultimo Festival di Cannes e che sembra poter tranquillamente essere una delle visioni più interessanti di questa settimana. Probabilmente da non perdere!


Mia madre fa l'attrice di Mario Balsamo

In sala anche la pellicola italiana della settimana, che però purtroppo sembra non potersi inserire in quel buon filotto che i nostri film hanno cominciato a seguire tra la fine del 2015 e la prima parte del 2016. Non ho delle buone sensazioni, ma potrei, remotamente dargli un'opportunità.


Paradise Beach - Dentro l'incubo di Jaume Collet-Serra


Blake Lively in bikini che lotta contro uno squalo in mezzo al mare. Devo per forza dire il mio pregiudizio?


Torno da mia madre di Eric Lavaine

Commedia francese che sembra essere basata sui dialoghi in stile "Cena tra amici" o "Perfetti sconosciuti" o addirittura "Carnage". Stile che io apprezzo parecchio e per il quale il film potrebbe guadagnarsi una visione!

mercoledì 24 agosto 2016

The Zero Theorem di Terry Gilliam (2013)

Regno Unito, Romania 2013
Titolo Originale: The Zero Theorem
Regia: Terry Gilliam
Sceneggiatura: Pat Rushin
Cast: Christoph Waltz, Mélanie Thierry, David Thewlis, Lucas Hedges, Matt Damon, Tilda Swinton, Sanjeev Bhaskar, Peter Stormare, Ben Whishaw, Dana Rogoz, Emil Hostina, Pavlic Nemes
Durata: 107 minuti
Genere: Fantascienza, Drammatico

Con il consueto ritardo nella programmazione da parte dei nostri distributori di benzina cinematografici, - un ritardo che questa volta è stato di quasi tre anni, una roba imbarazzante insomma - è arrivato anche in Italia "The Zero Theorem", l'ultimo lavoro del regista Terry Gilliam, regista particolarmente apprezzato da queste parti, soprattutto per lavori come i cult "L'esercito delle 12 scimmie" e "Paura e delirio a Las Vegas" o per il bellissimo "Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo", film ricordato dai più come l'ultimo film del compianto Heath Ledger piuttosto che per le sue reali qualità artistiche, cosa che tra l'altro mi fa parecchio male perchè è un film che adoro. Nonostante il ritardo nella programmazione italiana già in molti avevano avuto modo di vedere questo film grazie ai miracoli della rete, mentre io mi sono convinto solamente nell'ultimo periodo.

Con il suo ultimo film, il buon Terry Gilliam ci racconta la storia di Qohen Leth, un hacker che vive in una chiesa sconsacrata e lavora per la Mancom, rimanendo perennemente in attesa di ricevere una telefonata che lo possa rendere felice oppure dargli le risposte a tutte le sue domande esistenziali. A seguito di una visita psichiatrica in cui viene dichiarato fisicamente sano, gli viene affidata un'intelligenza artificiale per eseguirne a sua volta una valutazione psichiatrica. Con l'autorizzazione a poter lavorare da casa, gli viene affidato il compito di risolvere lo Zero Theorem, una complessa formula matematica che presto lo renderà vittima di terribili incubi in cui si vede risucchiato in un buco nero.

Il lavoro di Terry Gilliam in questo film è strano e parecchio incomprensibile, se non lo si guarda con la giusta attenzione, tant'è che penso che un film di questo tipo possa essere in grado di guadagnare ulteriormente valore solo dopo una seconda, o forse anche una terza visione. Il regista non sembra avere poi l'intenzione di spiegarci per bene quale sia il messaggio di fondo che ci vuole mandare, limitandosi a darci qualche indizio riguardo la misteriosa equazione matematica e soprattutto riguardo l'enorme fede che ha il protagonista nel ricevere la telefonata che gli cambierà la vita. Ciò non toglie che la pellicola, che ha una trama parecchio frammentata, risulti godibilissima e in grado di provocare nello spettatore quei sani mal di testa che ti invitano a riflettere in maniera più profonda su ciò che si è appena visto.

Interessante è poi il lavoro compiuto dall'attore protagonista Christoph Waltz, in grado di dare al suo personaggio tutte quelle caratteristiche che lo potessero rendere unico, rendendoci partecipi di tutti i suoi turbamenti emotivi. Ad impreziosire una buonissima confezione ci si mette anche un cast sicuramente interessante, anche se magari non in grado di offrire la propria performance migliore, come ad esempio la presenza di Matt Damon e di Peter Stormare o di una Tilda Swinton abbastanza in forma.

Voto: 7+

martedì 23 agosto 2016

The Lobster di Yorgos Lanthimos (2015)

Grecia, Regno Unito, Irlanda, Paesi Bassi, Francia 2015
Titolo Originale The Lobster
Regia: Yorgos Lanthimos
Sceneggiatura: Efthymis Filippou, Yorgos Lanthimos
Cast: Colin Farrell, Rachel Weisz, Jessica Barden, Olivia Colman, Ashley Jensen, Ariane Labed, Angeliki Papoulia, John C. Reilly, Léa Seydoux, EmmaEdel O'Shea, Michael Smiley, Ben Whishaw, Roger Ashton-Griffiths, Ewen MacIntosh, Garry Mountain, Laoise Murphy, Nancy Onu, Imelda Nagle Ryan
Durata: 110 minuti
Genere: Drammatico

Arrivato in Italia come uno dei film più interessanti della scorsa annata, mi sono colpevolmente perso la proiezione nei cinema di "The Lobster", quinto film del regista greco Yorgos Lanthimos e suo primo film in lingua inglese, con un cast prevalentemente hollywoodiano e con qualche contaminazione dal panorama cinematografico francese, vedasi la presenza nel cast dell'interessantissima Léa Seydoux. A mia discolpa c'è però da dire che il film non è che sia stato portato in molti cinema nella mia zona, motivo per cui ho dovuto ricorrere all'uscita in home video e ad una visione comunque tardiva rispetto a quanto mi sarei aspettato, tanto che il film è arrivato nel frattempo anche sulla televisione satellitare. Con un cinema greco che qui in Italia è sì ben visto, ma non distribuito particolarmente bene, io nelle poche visioni che ho affrontato mi son trovato talvolta soddisfatto - come nel disgustoso ma validissimo "Miss Violence" - mentre talvolta un po' freddino - come in "A Blast" -.

"The Lobster" si preannunciava, al solo leggere la trama, come una visione parecchio complessa, ma altrettanto originale. La trama parte da uno spunto parecchio interessante, con l'intera storia ambientata in un futuro distopico in cui le persone single vengono rinchiuse in un hotel in cui, se non troveranno un compagno nel giro di quarantacinque giorni, verranno trasformate in un animale di propria scelta, che deve essere comunicato nel momento dell'ingresso nell'hotel. Il protagonista David, interpretato da un Colin Farrell parecchio in parte, uomo impacciato che ha appena divorziato, al momento del suo ingresso, in compagnia del suo cane che presto si rivelerà essere suo fratello, decide che vorrà essere trasformato in un'aragosta e comincia la sua permanenza all'interno dell'hotel, cercando una donna con cui convivere, ma anche di intessere rapporti di amicizia con gli altri uomini al suo interno.

Una trama sicuramente molto interessante, che viene sfruttata a dovere in tutte le sue potenzialità dal regista Yorgos Lanthimos, riuscendo a ritrarre in maniera splendida una società in cui il rapporto di coppia viene visto come un qualcosa di estremamente necessario per far parte del mondo, insomma una società in cui non ci sarebbe possibile vivere da soli e nella quale io sarei fritto e per tal motivo non sceglierei mai di diventare un'aragosta. Interessante è però vedere come in realtà, a fare da contraltare alla cultura dominante, nella quale è più importante vivere in due piuttosto che amarsi, ci sia un'altra parte, rappresentata da un gruppo di ribelli, nella quale i rapporti di coppia sono estremamente vietati. In tal modo l'autore del film riesce a farci capire in maniera estremamente efficace entrambe le posizioni, mettendoci davanti tutti i contro di una vita così estremista: vivere la propria vita da soli senza amare qualcuno può fare male, ma viverla accanto a qualcuno che sei costretto ad amare può essere ancora peggio.

Attraverso uno stile ricercato e parecchio elegante il regista fa arrivare in maniera netta il suo messaggio, amplificando le sensazioni negative dello spettatore davanti a buona parte delle situazioni che ci vengono mostrate grazie ad una quasi totale depersonalizzazione dei personaggi che, a parte una sola eccezione, non hanno nome o vengono identificati tramite una loro caratteristica peculiare. Per quanto alcuni punti provochino curiosità, ma non vengono mai affrontati, "The Lobster" risulta, in fin dei conti, un ottimo film con una marea di sottotesti anche filosofici tutti da esplorare. Il cast di stelle, tra cui figurano anche Rachel Weisz e John C. Reilly, tanto per dire un paio di quelli meritevoli oltre ai due già citati in precedenza, si comporta in maniera egregia, riuscendo in qualche modo a mettere a disagio lo spettatore e riuscendo in pieno nel tentativo di depersonalizzazione dei propri personaggi.

Voto: 8,5
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...