giovedì 24 maggio 2012

Another Earth

Ne avevo già parlato nell'articolo sulle uscite al cinema della settimana di quanto attendessi con assoluta impazienza questo film. L'attesa è finita e quello che avevo bollato come film più interessante della settimana non è assolutamente stato da meno rispetto alle attese.


USA 2011
Titolo Originale: Another Earth
Regia: Mike Cahill
Cast: Brit Marling, William Mapother, Matthew-Lee Erlbach, Diane Ciesla
Genere Drammatico, Fantascienza


La trama in breve: Rhoda è una ragazza diciassettenne, ammessa all'MIT dopo aver conseguito il diploma. Tornando da una festa, sente alla radio della scoperta di un nuovo pianeta, speculare alla Terra e sua replica esatta. Distratta nel guardare fuori dal finestrino per ricercare il pianeta nel cielo provoca un incidente in cui uccide moglie e figlio di cinque anni del compositore John Burroughs. Uscita dal carcere quattro anni dopo, cercherà il compositore e non riuscendo a dirgli la verità chiedendogli perdono, decide di passare del tempo con lui, come donna delle pulizie.


Premettiamo subito che questo non è assolutamente il film che può sembrare. Tutto quello che dicono le trame su internet, scritte prima della visione del film, può essere mal interpretato. Questo non è un vero e proprio film di fantascienza, anzi, la parte fantascientifica è solo un contorno minimale, quasi metafisico.


A cosa guarda questo film? Certamente guarda con uno sguardo del tutto personale alla ricerca della redenzione da parte di Rhoda ed al rapporto che si viene a creare tra lei e John. Questo pianeta-doppione in cui anche le persone che ci vivono sarebbero delle nostre "copie" fa da sfondo alla vicenda, in quanto sogno impossibile della ragazza, ormai alla ricerca di una felicità che potrà ottenere soltanto in un modo, per un finale che di certo deluderà molti, perchè lascia le cose molto in sospeso, ma di certo non ha deluso me.


Una sceneggiatura ottima, la si vede già nella prima, spettacolare, sequenza. Delle interpretazioni che difficilmente si vedono in determinati film indipendenti, conditi da una colonna sonora, quasi tutta formata da brani di solo pianoforte, che sono lo specchio reale dell'atmosfera che si respira durante tutto il film (ed in questo caso non è l'altra Terra a fare da specchio).


Voto: 8,5

2 commenti:

  1. [...] possibilità che non funziona tanto quanto il finale, allo stesso modo aperto, ma splendido, di Another Earth, in un contesto in cui di capire se lei è diventata paranoica o qualcuno la sta veramente cercando [...]

    RispondiElimina
  2. [...] Regia: Mike Cahill Genere: Drammatico, Fantascienza Leggi la mia RECENSIONE [...]

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...