domenica 24 dicembre 2017

CINEVIGILIA - Gremlins di Joe Dante (1984)

La vigilia di Natale per parlare di un film irrinunciabile per il proprio Natale. Da questa idea parte a rassegna, promossa dalla solita cricca di blogger, in cui ognuno di noi recensirà il proprio film di Natale, quello che viene visto durante le feste, che non è necessariamente un film natalizio, ma il film che ognuno di noi attende le festività per guardarsi, magari per l'ennesima volta. E no, nessuno di noi - secondo me per fortuna - ha scelto quella piaga di "Una poltrona per due", che per carità, è anche un bel film cattivissimo spacciato per un film natalizio, però anche basta, per favore. Se il signor Italia 1 mi sta leggendo sappia che mi sto tenendo anche un sacco di insulti, perchè sì, saremo pure a Natale, ma non sarò certo io quello che diventa più buono.

USA 1984
Titolo Originale: Gremlins
Regia: Joe Dante
Sceneggiatura: Chris Columbus
Cast: Zach Galligan, Phoebe Cates, Hoyt Axton, Frances Lee McCain, Corey Feldman, Judge Reinhold, Keye Luke, Glynn Turman, Edward Andrews, Scott Brady, Jonathan Banks, Polly Holliday, Dick Miller, Jackie Joseph, Harry Carrey Jr., Belinda Balasky, Kenny Davis, Chuck Jones, William Scharlett, Kenneth Tobey, Steven Spielberg
Durata: 106 minuti
Genere: Commedia, Horror


È giunto dunque il momento di parlare di quello che è il mio film di Natale, quello che mi rivedo ogni anno con un certo piacere, uno dei film che hanno in qualche modo segnato il genere della commedia horror dal 1984 in poi, quel "Gremlins" diretto da Joe Dante e scritto da Chris Columbus che ogni anno non manca sulle televisioni nazionali - anche se quest'anno, avendo seguito poco la programmazione televisiva, non ho ancora ricevuto informazioni a riguardo -. Parla di questo stesso film anche il compagno di merende Cassidy sul suo blog "La bara volante" e se volete una recensione più dettagliata e divertente della mia passate di lì che non ve ne pentirete. Lo spunto di partenza del film è molto simile a quello di una fiaba per bambini, tant'è che l'ispirazione per il film a Chris Columbus viene in seguito al recupero di una vecchia sceneggiatura per un film Disney tratta da un libro scritto da Roald Dahl negli anni quaranta, la cui realizzazione del film non andò mai in porto.
Partendo da un'ambientazione quasi fiabesca, il film ci presenta subito i protagonisti della vicenda, addentrandosi subito in quello che è lo sviluppo della trama: pochi fronzoli, insomma, il film ingrana subito e non ci sono parti introduttive particolarmente tediose. La trama la conoscono anche i sassi, ma anche per loro è bene riepilogarla un po': il giovane Billy riceve in regalo per natale un cucciolo di mogwai di nome Gizmo, comprato dal padre in un negozio a Chinatown. L'animaletto deve però essere curato seguendo tre regole fondamentali: mai esporlo alla luce, mai esporlo all'acqua per non far partire il suo ciclo riproduttivo e mai dargli da mangiare dopo la mezzanotte. Come ogni film horror che si rispetti, e qui il fatto che sia una commedia horror gioca in suo favore, ci si aspetterebbe che i protagonisti siano così stupidi da violare tutte e tre le regole in un colpo solo, ma la realtà è ben altra: essendo "Gremlins" un horror per nulla convenzionale, le tre regole, a parte la prima che non provoca danni particolarmente gravi se non una momentanea incazzatura da parte del cucciolo, vengono tutte violate in maniera accidentale e non è la stupidità dei protagonisti a scatenarla. Il ciclo riproduttivo di Gizmo si attiva grazie all'acqua, da lui nascono delle creature decisamente più vivaci che, riuscendo a procurarsi del cibo dopo la mezzanotte, danno vita ai Gremlins e lì inizia il casino.
Un casino che porta lo spettatore a conoscere man mano nuovi personaggi, che poco ci mettono a dimostrare la loro totale impreparazione sulla materia. I fatto che poi il caos nasca quasi per errore mette chiaramente un focus sul protagonista, ancora troppo giovane e non pronto ad accollarsi la responsabilità di crescere un animaletto. In "Gremlins" Joe Dante ci piazza un sacco di citazioni presi dal cinema di Spielberg e poco ci importa del fatto che ad alcune domande che ci poniamo durante il film non venga mai data una vera e propria risposta. Siamo certamente davanti ad un film che parte per essere una pellicola per bambini e tale rimane, inserendovi però momenti decisamente più duri rispetto ad un normale film per giovincelli, con il sangue - o comunque quella roba verde che esce dai Gremlins - che in certi frangenti scorre a fiumi e con alcune scene, decisamente più forti, che sono poi state tagliate per volere della Warner Bros, come ad esempio quella della morte della madre di Billy, con tanto di testa che rotola giù dalle scale o una cruenta strage in un McDonald's. Ed è proprio per questo che "Gremlins" funziona a meraviglia sia per la sua componente horror sia per quella di commedia, rimanendo uno dei classici film natalizi - anche se solamente ambientato a Natale praticamente - che guardo sempre con religiosa ammirazione.

Voto: 10

Nell'augurare un buon Natale a tutti voi, ricordo che hanno partecipato a questo speciale anche i seguenti blog:

SOLARIS: A CASA PER LE VACANZE
MOZ O'CLOCK: BATMAN RETURNS
IL BOLLALMANACCO DI CINEMA: SOS FANTASMI
LA COLLEZIONISTA DI BIGLIETTI: NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS
LA BARA VOLANTE: GREMLINS
PIETRO SABA WORLD: SANTA CLAUSE 1994
DIRECTOR'S CULT: VERY MURRAY CHRISTMAS
LA STANZA DI GORDIE: PARENTI SERPENTI

10 commenti:

  1. "IL" film di Natale per eccellenza... che aggiungere di più?

    RispondiElimina
  2. In effetti Una Poltrona per due sta davvero rompendo, anche perché di Natalizio, al contrario di questo stupendo e straordinario, non ha quasi niente ;)

    RispondiElimina
  3. Mica sapevo della Disney, o meglio, del progetto Disney!
    A me Gremlins piace proprio per questo: è una commedia horror adatta a tutti, di quell'horror tipicamente anni '80 *__*

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Due splendide recensioni di uno splendido cult in un solo giorno?
    Troppa meraviglia. :-)

    RispondiElimina
  5. Vero Italia 1 ha esagerato ma "Una poltrona per due" é talmente un capolavoro che lo sarebbe anche il 15 di agosto ;-) Per quanto riguarda Gremlins invece capisco perché abbiamo gusti cosi simili, essere cresciuti con questo capolavoro ci ha segnato nel senso migliore del termine, Dante ci ha trattato come spettatori e non come bambini da tenere nella bambagia, abbiano avuto un gran maestro ;-) Spettacolare recensione si sente la passione per questi filmone... Bro Fist! ;-) Tanti auguri di buon natale e buone feste! Cheers!

    RispondiElimina
  6. Bella recensione, di un grande film! Buone Feste!

    RispondiElimina
  7. Ottima scelta, Alfonso!
    Ma... chissà cosa sarebbe saltato fuori dalla Disney! Paura pura per il possibile risultato ahah
    Devo dire, però, che è da un po' che non lo rivedo quindi mi sa che urge il recupero su Italia 2.
    Buon Natale,
    Fede.

    RispondiElimina
  8. Avete scelto in molti questo film come il film del Natale :), non sono d'accordo :D.

    Però è un ottimo film.

    Sono rimasto sorpreso nel leggere della testa della madre: mamma mia, con una scena così il film saliva ulteriormente nel gradimento :D. Ma poi non era un film troppo natalizio, ahah!

    RispondiElimina
  9. In realta' Una poltrona per due lo volevo fare io, ma l'avevo gia'recensito. Per quanto voglia bene a Gizmo, stasera il film di Landis me lo rivedo per la centesima volta! :-p Buona cine vigilia!!!

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!