venerdì 29 dicembre 2017

Marvel's The Punisher - Stagione 1


Marvel's The Punisher
(serie TV, stagione 1)
Episodi: 13
Creatore: Steve Lightfoot
Rete Americana: Netflix
Rete Italiana: Netflix
Cast: Jon Bernthal, Ben Barnes, Ebon Moss-Bachrach, Amber Rose Revah, Deborah Ann Woll, Daniel Webber, Jason R. Moore, Paul Schulze, Jaime Ray Newman, Michael Nathanson
Genere: Azione


Prosegue senza particolari intoppi - sì, un paio di serie abbastanza negative che comunque hanno riscosso un buon successo di pubblico non li ritengo dei veri e propri intoppi, per lo meno per quel che riguarda il brand che si sta creando - il rapporto tra Netflix e il Marvel Cinematic Universe, rapporto che ci ha già dato ben cinque serie televisive per un totale di sei stagioni e alcuni seguiti che stanno per uscire - potete recuperarle tutte sulla pagina dedicata a tutti i prodotti dell'universo cinematografico Marvel, che include tutti i film e tutte le serie da me recensite -. Si sentiva però l'estremo bisogno di distaccarsi, in qualche modo, da quelle serie nate apposta per portare in scena "The Defenders" ed ecco che con l'introduzione del personaggio di Frank Castle, conosciuto come The Punisher, nella seconda stagione di "Marvel's Daredevil", il pubblico ha iniziato a chiedere a gran voce, dato l'enorme successo riscosso dal personaggio in una serie dedicata a quello che forse è il personaggio di punta di questa collaborazione, una serie a lui dedicata. Netflix e la Marvel, che non sono gli ultimi arrivati, probabilmente avevano già messo in conto la cosa e, vista l'acclamazione popolare, ci ha messo poco ad annunciare la produzione della serie, uscita circa un mese e mezzo fa, ottenendo un ottimo successo di pubblico.
"Marvel's The Punisher" non si collega in maniera diretta all'universo dei Defenders, ma è una sorta di seguito delle vicende introdotte durante la seconda stagione di "Marvel's Daredevil". Lo sterminio della famiglia di Frank Castle, interpretato dall'ex "The Walking Dead" Jon Bernthal, è stato ormai vendicato, il nostro protagonista viene a conoscenza di una grande cospirazione, che coinvolge i suoi vecchi commilitoni e che in qualche modo ha portato poi all'uccisione dei suoi familiari. Il personaggio, che era già stato introdotto abbastanza bene in "Marvel's Daredevil", ci viene in qualche modo ripresentato, portando alla luce quello che è il suo disturbo post-traumatico in seguito alle sue esperienze militari, che lo portano a diventare un vigilante che insegue a tutti i costi il suo ideale di giustizia, sterminando i cattivi con qualunque mezzo.
Per quanto profondamente diversa a livello concettuale dalle altre serie prodotte dalla collaborazione tra Netflix e il Marvel Cinematic Universe, con un protagonista che non ha super poteri ed è invischiato in complotti che riguardano la sua città, la serie segue un po' il trend di tutte le altre serie, che hanno tutte un proprio genere di appartenenza, inserendosi questa volta nel genere dello spionaggio e della storia di vendetta. Per quanto non conosca il personaggio di Punisher al di là di questa serie televisiva - non ho mai letto un fumetto, così come non ho mai visto i film a lui dedicati, conosco solo per aver letto qualche informazione sul personaggio su internet - non mi sarei aspettato nulla di diverso riguardo a come è stato portato in scena da Jon Bernthal, che dimostra ancora una volta di essere un attore abbastanza sopra la media, adatto soprattutto per ruoli da antieroe. Ci sarebbe anche da dire che questa prima stagione di "Marvel's The Punisher fa abbastanza fatica ad ingranare, soprattutto nei primi episodi, ma poi, quando inizia a dare gas, non ci si ferma proprio più: i primi due o tre episodi introduttivi non sono granchè, tra il quarto e il settimo si inizia a ragionare, dal settimo in poi è una continua girandola di emozioni in cui il sangue scorre a fiumi, senza che ci sia particolare ritegno a riguardo da parte degli autori della serie.
Se il difetto principale della serie sta nel fatto, secondo la mia opinione ovviamente, che tredici episodi forse sono un po' troppi, mi sono trovato invece particolarmente bene con gli altri personaggi inseriti in questa serie. L'unico collegamento con le precedenti è Karen Page, interpretata sempre da Deborah Ann Woll, ma non è che sia un personaggio così rilevante, soprattutto negli ultimi episodi. Fanno invece la loro ottima figura sia i personaggi di questa serie che stanno dalla parte giusta, Dinah Madani interpretata da Amber Rose Revah - ah, io ho rischiato di innamorarmi di lei - e David Lieberman interpretato da Ebon Moss-Bachrach, sia quelli che stanno dalla parte sbagliata, sui quali spicca Billy Russo, interpretato da Ben Barnes, che forse non avrà il phisique du role per fare il cattivone - troppo pettinato, troppo bello per dare la sensazione di essere una minaccia -, ma che è secondo me perfetto nella totale ambiguità e perfidia del suo personaggio. È proprio per questo che non mi sarei potuto aspettare nulla di meglio da questa prima stagione di "Marvel's The Punisher", che, ad ora, potrebbe tranquillamente essere la miglior serie prodotta dalla collaborazione tra Netflix e la Marvel, sperando che anche le successive stagioni delle altre serie che ci aspettano si risveglino un po' dal torpore dato da "Marvel's Luke Cage" e da "Marvel's Iron Fist".

Voto: 8+

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...