mercoledì 29 aprile 2015

Avengers: Age of Ultron (2015)


USA 2015
Titolo Originale: Avengers: Age of Ultron
Regia: Joss Whedon
Sceneggiatura: Joss Whedon
Cast: Robert Downey Jr., Chris Hemsworth, Mark Ruffalo, Chris Evans, Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Don Cheadle, Aaron Taylor-Johnson, Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Cobie Smulders, Anthony Mackie, Hayley Atwell, Idris Elba, Stellan Skarsgård, James Spader, Samuel L. Jackson
Durata: 141 minuti
Genere: Azione, Supereroi

La trama in breve: Dopo un attacco ad una base dell'Hydra, gli Avengers riescono a recuperare lo scettro di Loki. Tornati alla base, Stark e Bruce Banner scoprono che all'interno della gemma di quello scettro è presente un'intelligenza artificiale, programmata dallo stesso Stark, costruita per il programma di difesa globale "Ultron". Tale intelligenza però riesce ad attivarsi durante una festa, ribellandosi a Stark e fuggendo con lo scettro di Loki.

Se tre anni fa mi avessero detto che la Marvel nel corso del tempo sarebbe maturata così tanto, probabilmente non ci avrei creduto. "The Avengers", uscito nel 2012, altro non era che un giocattolone in cui riunire i più forti supereroi dell'universo cinematografico Marvel e far godere un bel po' i nerd riuniti di tutto il mondo. La seconda fase del progetto Marvel però stava già dando una sterzata da una parte verso toni un po' più maturi, mentre dall'altra introducendo personaggi ad alto tasso di idolatria come in "Guardiani della Galassia". Il progetto Marvel è dunque quasi definibile come una sorta di serialità cinematografica, in cui tutti i film prodotti, in qualche modo, si incastrano e hanno una loro consequenzialità.

Mentre nel primo film degli Avengers il nemico veniva dall'esterno, con un carismatico Loki a farla praticamente da padrone e con tutte le gag incentrate prevalentemente su Tony Stark, questa volta i nostri eroi sono davanti ad un nemico interno: Ultron, un progetto dello stesso Stark, una volta presa vita e corpo di un robottone gigantesco inizia a minacciare l'intera umanità con manie di distruzione. E c'è da dirlo, come cattivo funziona a meraviglia: non è spigliato come Loki, ma possiede al suo interno una strana filosofia, quella di ribellarsi agli uomini in una maniera molto simile a quanto fece Pinocchio quando si liberò dei suoi fili. E il mio riferimento non è così tanto campato per aria: Ultron in ben due occasioni canta la canzoncina tratta da Pinocchio "Io non ho fili eppur sto in piè, fili avevo ed or non più, eppur non cado giù", ma lo fa in una maniera che mette davvero molta inquietudine.

Dal punto di vista di quella che è la storia dei protagonisti, mentre la prima pellicola era molto Stark-centrica e si concentrava molto sulla storia di Thor, qui assistiamo ad una migliore costruzione di tutti gli altri personaggi, ponendo però maggiore attenzione su quelli considerati un po' minori dai fan fumettofili: Natasha Romanoff e Occhio di Falco, interpretati rispettivamente da Scarlett Johansson (che la prima volta che si vede in scena, dopo pochi secondi, la prima cosa che mi ha fatto pensare è stata "CHIAPPE!") e Jeremy Renner. Mentre la prima è un personaggio minore, ma in qualche modo si fa notare, il secondo non dovrebbe troppo lamentarsi: è un personaggio minore, con dei poteri che rispetto agli altri sono "normali" e come se non bastasse non è una gnocca.

Ma il vero punto di forza della pellicola, per quanto mi riguarda, sta nelle tante, innumerevoli aggiunte alla squadra di supereroi: vediamo Quicksilver, preso direttamente in prestito dagli X-Men, ma soprattutto vediamo Scarlet, interpretata da una bravissima Elizabeth Olsen. Se sfruttata a dovere, Elizabeth Olsen sarebbe potuta diventare un'ottima Scarlet, peccato che venga un po' assorbita dalla storia e si limiti solamente ad essere buona andante verso il molto buona. Una cosa però è sicura: che è bona e che con i movimenti che fa per generare il suo potere (più che altro mentale) riesce quasi a risultare sexy (si vede che adoro Elizabeth Olsen?). Poi vengono anche aggiunti War Machine interpretato da Don Cheadle (visto già nel secondo "Iron Man") e Visione, interpretato da Paul Bettany, supereroe affabile, che funge da vera e propria nemesi di Ultron.

In fondo dunque "Avengers: Age of Ultron" rimane pur sempre un giocattolone, ma sicuramente un giocattolone di alto livello. E sarebbe anche abbastanza scontato parlare di quanto siano belli gli effetti speciali del film, dati i soldi a disposizione per realizzarlo, e le scene d'azione che ne sono certamente una componente fondante. Quello che è certo è che il lavoro fatto sui personaggi per dare a tutti una certa dignità è lodevole e, tra le altre cose, Joss Whedon è maestro in questo. Dopo questa pellicola dunque la seconda fase è giunta ad un termine, ma già sono pronti progetti per la terza fase, alcuni davvero molto interessanti, che porteranno al terzo capitolo di Avengers, che verrà diviso in due parti. "Infinity War" sta già prendendo forma. Ma nel frattempo, ad Agosto, ci accontenteremo di "Ant-Man".

Voto: 7,5

12 commenti:

  1. manca il cattivo, non c'è un'evoluzione fatta come si deve della storia, scontri a caso, poteri a caso, storia telefonatissima, battute da film disney, gag da film disney, epicità a livello prossimo allo 0, differenza tra inizio e fine film nessuna (dopo sono una SQUADRA, mentre prima son solo un gruppo di supereroi)

    si è capito che non mi è piaciuto? xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh si che non ti è piaciuto si è capito... Ma io con sti film qui godo parecchio anche se i difetti che ci vedi tu effettivamente ci sono... Però i personaggi e il cattivo mi sono piaciuti più che nel primo...

      Elimina
    2. Loki nel primo schiaccia tutti, e rende il film gradevole e scorrevole. Qui il "nemico" è poco nemico, poco carismatico e tanto prevedibile: potrebbe prendere il web, conquistare il mondo informatico e distruggere la gente da dentro (smartphone, tablet, computer, dispositivi elettronici di ogni tipo) invece no, crea labbomba che distrugge tutto; i due ragazzini sembrano i figli di Magneto e si capisce dal primo scontro che sarebbero passati ai "buoni".
      La Stark/Thorcentricità non l'ho vista come un difetto nel primo, anzi...

      Elimina
    3. No no nemmeno io l'ho intesa come difetto del primo capitolo anzi ci stava, cosí come era doveroso approfondire a dovere gli altri in questo secondo film. Ultron è un po' come il cattivo del terzo Batman di Nolan che ha le possibilità per fare moltissimo invece si limita ad una bomba... Questo è vero, ma ci sta, sempre di un giocattolone stiamo parlando.

      Io non lo avevo capito diventassero buoni, non sapendo chi fossero (non conosco per nulla i fumetti e cose varie... Quindi...)

      Elimina
    4. Rimane un ottimo prodotto d'intrattenimento, ma aveva delle potenzialità che son state buttate al vento, spiace perché guardando i primi Ironman, Hulk e Thor si poteva fare mooooooooolto di più...io rimango dell'idea di non consigliarlo al cinema, perlomeno se si deve mandare avanti qualcosa, che si faccia con prodotti che meritano...questo va bene in tv o in cassetta

      Elimina
  2. Ultron mi è piaciuto molto per la sua parte "umana", purtroppo però come Villain vale davvero poco, manca il vero senso di minaccia. Scarlet spero verrà sviluppata meglio nel prossimo film ma già non è malaccio, mentre il Quicksilver degli X-Men davvero non si batte, questo era un povero pezzente :P
    A parte qualche trascurabile difetto, comunque, promosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto nessuno degli X-Men, ma dovrebbe essere Evan Peters di American Horror Story a fare Quicksilver lí no? Per dire, Quicksilver l'ho notato per davvero solo alla fine. Dieci spanne sopra è stata Starlet invece...

      Elimina
  3. Visto finalmente ieri sera.
    Primo tempo molto telefonato, il secondo tempo gradevole.
    Concordo sul voto.

    RispondiElimina
  4. Concordo! In più questa è la cinquantesima recensione di avengers che leggo, primo film a raggiungere questo record ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh sto film volenti o nolenti lo han visto un po' tutti mi sa

      Elimina
  5. Per me si è persa la 'magia' del primo episodio, ma rimane comunque un giocattolone molto figo.
    E ti dirò, è proprio la coppia Scarket/Quicksilver l'anello debole del tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh sarà che Elizabeth Olsen me la farei finchè morte non ci separi e sarà questo che offusca il mio giudizio su Scarlet, che ho trovato proprio un bel personaggio... Quicksilver no, manco mi ero accorto fosse in scena...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...