venerdì 29 novembre 2019

LE SERIE TV DI NOVEMBRE

Mese di crisi totale per quanto riguarda le mie visioni di serie televisive. A Novembre infatti, sono riuscito a portarne a termine solamente due, ma, a mia discolpa, devo dire che ne ho iniziate più del solito, guardando una puntata o due per ognuna di quelle che ho iniziato e forse, nei prossimi mesi, arriverà un commento anche su quelle. Oggi però si parla delle due serie TV che sono riuscito a completare a Novembre, entrambe mi sono piaciute decisamente e hanno fatto discutere, per diversi motivi.


Warrior - Stagione 1

Episodi: 10
Creatore: Jonathan Tropper, Justin Lin
Rete Americana: Cinemax
Rete Italiana: Sky Atlantic
Cast: Andrew Koji, Olivia Cheng, Jason Tobin, Dianne Doan, Kieran Bew, Dean Jagger, Joanna Vanderham, Tom Weston-Jones, Hoon Lee, Langley Kirkwood, Christian McKay, Perry Yung, Joe Taslim, Jenny Umbhau, Dustin Nguyen, Chen Tang, Céline Buckens, Miranda Raison
Genere: Azione


Prima di morire Bruce Lee aveva scritto una serie televisiva, lo sapevate? Ecco, io no, ma questa "Warrior" è tratta proprio dagli scritti lasciati dall'attore prima della sua morte, che prevedevano il progetto di una serie televisiva sulle arti marziali ambientata nella San Francisco di fine '800. Probabilmente la sua serie televisiva sarebbe stata molto diversa da quella che abbiamo visto, ma Cinemax, che aveva già avuto in palinsesto una serie come "Banshee", ha preso in mano quegli scritti e ci ha trovato al suo interno una buona idea per una serie TV in cui il protagonista Ah Sahm, immigrato negli Stati Uniti dalla Cina per trovare la sorella, viene notato dalla Hop Wei, una Tong - gang criminale - di Chinatown. Tra sortite nei bordelli, grandi bevute e combattimenti coreografati in maniera meravigliosa, "Warrior" è riuscita dove praticamente nessun film e nessuna serie TV nella storia, tranne "Karate Kid" e i suoi luoghi comuni, erano riusciti: farmi appassionare a una storia che ruota intorno alle arti marziali. I personaggi principali, c'è da dirlo, mi sono sembrati piuttosto stereotipati e la serie, pur basandosi su una trama prevalentemente orizzontale, non manca di episodi filler - come quello ambientato nel saloon che fa tanto "The Hateful Eight" ma che non porta avanti la trama praticamente di nulla - nè di tematiche che vengono affrontate per un episodio e poi lasciate un po' in disparte, come forse lo stesso Bruce Lee si era immaginato di strutturare la serie ormai una quarantina di anni fa. C'è però da dire che questa "Warrior" risulta essere una serie piuttosto interessante, senza strafare e non creando una trama troppo elaborata, ho come la sensazione che quando riprenderò la visione con la seconda stagione il prossimo anno non avrò bisogno di un ripassone o di andarmi a leggere le trame degli episodi precedenti, dato che la struttura narrativa è abbastanza semplice da seguire e si lascia guardare senza particolari problemi.

Voto: 7


Euphoria - Stagione 1

Episodi: 8
Creatore: Sam Levinson
Rete Americana: HBO
Rete Italiana: Sky Atlantic
Cast: Zendaya, Maude Apatow, Angus Cloud, Eric Dane, Alexa Demie, Jacob Elordi, Barbie Ferreira, Nika King, Storm Reid, Hunter Schafer, Algee Smith, Sydney Sweeney
Genere: Drammatico


Dite quel che volete ma personalmente, quando vedo Zendaya o Victoria Justice io mi illumino, letteralmente. Non solo per la presenza di Zendaya ho però deciso di guardare "Euphoria", ma anche per i vari consigli letti sul web che definivano, a ragione, questa serie come una delle più belle viste in questa annata. Si parla di droghe in un ambiente adolescenziale, ma quello che all'apparenza potrebbe sembrare un semplice teen drama, solo indirizzato ad un pubblico forse più adulto rispetto all'età dei protagonisti, è in realtà una serie molto più profonda, parlando di problemi tipici di quell'età in una maniera che non avevo mai visto in precedenza e in cui la protagonista Rue Bennett fa un po' da narratore ed introduce, in ogni episodio, quello che sarà il personaggio che si vuole approfondire maggiormente in quell'episodio, senza però dimenticarci degli altri, che continuano ad avere pari importanza in ogni puntata. Parlando di droghe e di problemi giovanili, la serie è a volte psichedelica, a volte tematicamente profondissima, ma la costante è una regia curata in ogni minimo dettaglio, che per quanto riguarda il mio gusto e la mia opinione culmina nello splendido quarto episodio, che mi ha letteralmente stregato. L'interpretazione di Zendaya è pazzesca, la speranza è di vederla agli Emmy con una bella statuetta l'anno prossimo e direi che di possibilità ne ha, sempre che nel corso di quest'anno non ci sia qualcuno che possa attirare maggiormente l'attenzione. Insomma, fate che la finisco di elogiare questa serie e che iniziate il prima possibile a guardarla, che forse è meglio.

Voto: 9

5 commenti:

  1. Sono curioso di vedere la seconda di entrambe, “Warrior” mi è piaciuta per le botte, “Euphoria” è forse la miglior serie che ho visto di recente, ho un post in rampa di lancio con lo stesso livello di beh, euforia ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. L'episodio filler di Warrior, che goduria! Mentre su Euphoria, gran bella serie effettivamente ;)

    RispondiElimina
  3. Poche serie, ma buone.
    Almeno la notevolissima Euphoria!
    Warrior invece mi manca...

    RispondiElimina
  4. Euphoria devo proprio guardarla, consigliatami da tantissime persone.
    Mentre Warrior mi hanno detto che è pure un po' trash... confermi?
    Ci vogliono, ogni tanto, comunque, serie non cervellotiche. Con trame semplici e gustose^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Warrior sì, abbastanza trash a volte, ma sempre spassosissima. Dagli una chance, ti divertirai

      Elimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!