venerdì 22 novembre 2019

Crawl - Intrappolati di Alexandre Aja (2019)



USA 2019
Titolo Originale: Crawl
Sceneggiatura: Michael Rasmussen, Shawn Rasmussen
Durata: 87 minuti
Genere: Horror, Thriller


É praticamente dall'uscita di "Sharknado" e dei suoi cinque sequel che sostengo che film sugli squali seri non abbiano più ragione di esistere, a meno che non dovesse uscire un capolavoro ai livelli de "Lo squalo" tanto vale, per quanto mi riguarda, non provarci nemmeno. Perchè parlo di squali riguardo a questo film? Perchè alla fine, si sa, squali e coccodrilli sono più o meno la stessa cosa, per lo meno per quanto riguarda il cinema. Dai, sono due animali talmente intercambiabili quando si tratta di mostri cinematografici che veramente, è difficile dire che un film con un coccodrillo al posto di uno squalo e viceversa sarebbe potuto uscire diversamente - tranne "Lo squalo" ovviamente. Ma penso che di questo non sia tanto colpa dei coccodrilli o degli squali, quanto più che altro del cinema in generale, ma su questo ci torneremo. Avevo adocchiato questo film già questa estate, peccato che sia uscito a Ferragosto e io quel giorno ero a prendermi gli strascichi di un tifone che aveva colpito le coste del Giappone a Gyeongju, in Corea del Sud, motivo per cui poi, quando sono tornato a casa la settimana dopo, ho deciso di andare a vedere "The Nest - Il nido", che mi interessava molto di più come pellicola. Regista del film è Alexandre Aja", già regista del remake di "Le colline hanno gli occhi" e di "Piranha 3D", ma è prodotto da Sam Raimi, regista da queste parti abbastanza apprezzato. Protagonisti del film, praticamente in solitaria, sono Kaya Scodelario e Barry Pepper, che interpretano rispettivamente figlia e padre.
Haley Keller è un'aspirante nuotatrice dell'Università della Florida. Un giorno la ragazza riceve una telefonata da sua sorella Beth, che la informa che un uragano di categoria 5 sta per abbattersi sulla Florida, consigliandole di lasciare lo stato. Preoccupata per la sicurezza del padre Dave, che non risponde al telefono, Haley decide, contro le istruzioni della polizia della Florida, di navigare lungo le vie di evacuazione per trovare suo padre. Lo ritroverà in uno spazio sottostante alla loro casa di Coral Lake, privo di sensi e, nel tentativo di trascinarlo fuori da quella trappola, si ritroverà davanti degli enormi e famelici alligatori che bloccheranno loro ogni via d'uscita. Trovato uno spazio in cui i due possano rifugiarsi e abbastanza stretto per non far passare gli alligatori, per loro inizierà una lotta per la sopravvivenza, resa difficoltosa anche dall'innalzarsi del livello dell'acqua, oltre che dai mostri famelici che stanno infestando quelle acque.
Non male questo film di squali con i coccodrilli, non male per davvero. Ovvio, non siamo davanti ad un capolavoro del genere, ma questo film ha tutte le carte in regola per farsi apprezzare da un pubblico di miei simili a cui questo tipo di film fa sempre parecchio divertire. Nonostante sia solamente il produttore della pellicola, in qualche modo lo zampino di Sam Raimi si vede eccome e Alexandre Aja è riuscito con "Crawl - Intrappolati" a creare una pellicola claustrofobica e in cui si respira una certa tensione dall'inizio alla fine. Molte sono le sequenze interessanti a livello registico e per questo tipo di film sono anche funzionali i vari jumpscare che sono presenti al suo interno, che riescono a spaventare in maniera molto più efficace rispetto ai jumpscare degli horror paranormali. I due protagonisti non sono certo scritti a puntino, ma, soprattutto Haley è ben interpretata da Kaya Scodelario e riesce a dare allo spettatore motivo di affezionarsi. Insomma, per un filmettino estivo visto in pieno autunno e quindi fuori tempo massimo sarebbe certamente potuta andare peggio invece mi son trovato davanti un film di squali con i coccodrilli decisamente ben riuscito e in grado di intrattenere, dall'inizio alla fine, senza mai annoiarmi.

Voto: 6,5

1 commento:

  1. Carino ed anche parecchio divertente, anche se alcune scelte narrative dei protagonisti erano astruse e fuori da ogni logica.

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!