martedì 9 luglio 2019

Gli orrori di Frankenstein di Jimmy Sangster (1970)


Regno Unito 1970
Titolo Originale: The Horror of Frankenstein
Sceneggiatura: Jeremy Burnham, Jimmy Sangster
Durata: 95 minuti
Genere: Horror


Per quanto riguarda lo speciale dedicato alle serie cinematografiche prodotte dalla Hammer Film Productions siamo quasi in dirittura d'arrivo e forse per fine Agosto (considerando le mie due settimane di vacanza) o per Settembre dovrei riuscire a portare a termine questa retrospettiva dalla quale, in fin dei conti, sono rimasto soddisfatto solamente per quanto riguarda tre o quattro film, mantenendo una soddisfazione complessiva superiore solo per la serie dedicata a Dracula. Oggi ci troviamo però davanti al sesto film della serie dedicata a Franknstein, che abbandona momentaneamente le storie raccontate nei precedenti film dedicandosi principalmente all'intento di realizzare un remake che sia anche un po' parodia del primissimo film della serie, "La maschera di Frankenstein". La regia viene affidata a Jimmy Sangster, al suo primo film da regista - in seguito ne dirigerà altri due sempre per conto della Hammer - mentre vi è come è giusto che sia un reset totale anche per quanto riguarda il cast, con Ralph Bates, che avevamo visto anche in "Una messa per Dracula", ad interpretare il barone Victor Frankenstein e David Prowse ad interpretare la creatura: lo stesso David Prowse, qualche anno dopo, diventerà Darth Vader nella prima trilogia di "Star Wars".
La trama riprende in maniera abbastanza fedele quella che ci era stata narrata ne "La maschera di Frankenstein", evidenziando qualche differenza atta principalmente a mettere subito in chiaro quanto il personaggio di Victor Frankenstein sia negativo, seguendo la strada intrapresa con i precedenti capitoli della saga in cui da personaggio borderline il protagonista assumeva una connotazione puramente negativa. Rimasto orfano in giovane età dopo aver ucciso il padre e il suo assistente, Victor Frankenstein inizia a compiere i suoi esperimenti sui corpi umani, dando vita ad una creatura mostruosa. Essendo una creatura caratterialmente incontrollabile, questa riesce a scappare, lasciando dietro di sè una scia di sangue e di omicidi, che però, nel corso della vicenda, verranno man mano coperti dallo stesso Frankenstein, che sembra ben deciso ad uccidere chiunque abbia intenzione di tradire o di fermare la sua creatura.
Se uno dei problemi delle serie della Hammer Film Productions era stato quello della ripetitività delle trame, diciamo che l'idea di fare un remake/parodia del primo film della serie non è che sia la più geniale, soprattutto se sono passati solamente tredici anni dall'uscita del primo film. Il fatto di prendere a piene mani dalla trama narrata in "La maschera di Frankenstein" però non è certo il più grande dei problemi di questo film: oltre alla ovvia inutilità di riproporre una trama già vista con un cast diverso, sono le poche modifiche alla stessa a non funzionare nel modo migliore. Innanzitutto l'idea di non fare un remake vero e proprio, ma anche una parodia della prima pellicola alla fine non mi è sembrata riuscita, perchè non sono riuscito a vedere in "Gli orrori di Frankenstein" l'intento di deridere il suo capostipite. Il secondo problema serio di questo film sta per l'appunto nel cast, Ralph Bates su tutti: se una delle costanti dei film precedenti era un Peter Cushing che, nel corso degli anni, pur non migliorando il livello delle sue performance recitative, riusciva comunque a dare a Frankenstein una parvenza di pazzia, qui Ralph Bates sembra più che altro un ragazzo viziato, che non dà quasi mai la sensazione di essere pericoloso o di essere una minaccia per i suoi simili che lo circondano.
Insomma, questo esperimento di remake/parodia de "La maschera di Frankenstein" da parte della Hammer Film Productions non si può dire sia proprio riuscito, in primo luogo perchè la componente parodistica sinceramente non l'ho proprio vista, in secondo luogo perchè siamo alle solite, le trame alla fine sono sempre le stesse e infine per via di un cast non del tutto all'altezza di riproporre quello che di buono si era visto nel primo film della serie.

2 commenti:

  1. David Prowse ha avuto una carriera matta, era anche il culturista/guardia del corpo dell’anziano aggredito per primo all’inizio di “Arancia Meccanica”. Questo film sono sicuro di averlo visto, ma lo ricordo poco, quindi ben venga il ripasso con il tuo post ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. INVECE DI OTTENERE UN PRESTITO, HO OTTENUTO QUALCOSA DI NUOVO
    Ottieni $ 5,500 USD al giorno, per sei mesi!

    Vedere come funziona
    Sai che puoi hackerare qualsiasi bancomat con una carta bancomat compromessa ??
    Deciditi prima di applicare, dritto affare ...

    Ordina subito una carta bancomat vuota e ottieni milioni in una settimana !: contattaci
    tramite indirizzo email :: {universalblankcards11@gmail.com}
      
    Abbiamo carte ATM appositamente programmate che possono essere utilizzate per hackerare ATM
    macchine, le carte bancomat possono essere utilizzate per prelevare allo sportello automatico o scorrere, a
    negozi e POS. Vendiamo queste carte a tutti i nostri clienti e interessati
    acquirenti in tutto il mondo, la carta ha un limite giornaliero di prelievo di $ 5,500 su ATM
    e fino a $ 50.000 limite di spesa nei negozi a seconda del tipo di carta
    ordini per :: e anche se hai bisogno di un altro cyber hack
    servizi, siamo qui per te in qualsiasi momento ogni giorno.

    Ecco i nostri listini prezzi per le CARTE ATM:

    Le carte che ritirano $ 5,500 al giorno costa $ 200 USD
    Le carte che ritirano $ 10.000 al giorno costa $ 850 USD
    Le carte che ritirano $ 35.000 al giorno costa $ 2,200 USD
    Le carte che ritirano $ 50.000 al giorno costa $ 5.500 USD
    Le carte che ritirano $ 100.000 al giorno costa $ 8.500 USD

    Deciditi prima di candidarti, straight deal !!!

    Il prezzo include le spese di spedizione e le spese, ordina ora: contattaci via
    indirizzo email :: universalblankcards11@gmail.com

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!