lunedì 29 luglio 2019

30 ANNI DI... Kiki - Consegne a domicilio di Hayao Miyazaki (1989)



Giappone 1989
Titolo Originale: 魔女の宅急便 Majo no takkyūbin
Sceneggiatura: Hayao Miyazaki
Personaggi: Kiki, Ursula, Jiji, Kokiri, Okino, Tombo, Osono, Rō-fujin, Barsa, Maki, Dora, Ketto
Durata: 100 minuti
Genere: Animazione


Dopo aver celebrato i quarant'anni dall'uscita di "Fuga da Alcatraz", oggi si parla di un trentennale, magari non di un vero e proprio film cult del genere d'animazione, ma di uno di quei film che gli appassionati del cinema dello Studio Ghibli e di Hayao Miyazaki nella fattispecie apprezzano particolarmente: proprio il 29 Luglio del 1989 usciva, nelle sale cinematografiche giapponesi "Kiki - Consegne a domicilio", che se non mi sbaglio fu portato in Italia soltanto nel 2013, in uno di quegli eventi speciali che nei cinema nostrani durano la bellezza di due o tre giorni, il più delle volte dal Lunedì al Mercoledì in una o due proiezioni giornaliere ad orari abbastanza assurdi, di fatto non dando la possibilità a tutti gli appassionati del cinema dello Studio Ghibli. Non essendo riuscito a vedere il film al cinema nel 2013, ho deciso di recuperarlo proprio in occasione dei primi trent'anni dalla sua uscita nelle sale giapponesi, in modo da celebrare un "compleanno" coi fiocchi, per quanto possibile.
Kiki è una giovane strega che, una volta compiuti i tredici anni, come da tradizione, parte da casa sua sulla sua scopa assieme al suo gatto Jiji, per svolgere il noviziato in un'altra città, giungendo in una pittoresca città di mare, che egli aveva immaginato come sua possibile destinazione sin dall'inizio del suo viaggio. Dopo essersi scontrata con una popolazione non propriamente accogliente, ma anzi, piuttosto fredda, Kiki comincia a nutrire dubbi sulla scelta della sua destinazione, che forse aveva fin troppo idealizzato. Le cose cominceranno a cambiare quando conoscerà Osono, una fornaia che in cambio del suo aiuto le offrirà un alloggio in cui vivere. Grazie a questo suo nuovo lavoro Kiki inizierà a mettere in pratica la sua conoscenza delle arti magiche per mettere in piedi una piccola attività di consegne volanti di pacchi, utilizzando la sua scopa come mezzo di trasporto.
Spesso e volentieri i film dello Studio Ghibli si fondano sul fatto di avere diversi piani di lettura per le diverse età che fruiscono della visione, cosa in cui negli ultimi anni si sta adattando anche il cinema d'animazione occidentale, con il quale però ho litigato da un po' di tempo e faccio molta fatica a fare pace. Il cinema d'animazione dello Studio Ghibli ha però sempre avuto la caratteristica di creare dei film d'animazione che possano essere fruiti da un pubblico specifico, alcuni più per gli adulti, mi viene da pensare ad esempio a "Una tomba per le lucciole" o a "Si alza il vento", mentre altri più infantili ma sicuramente guardabili da qualsiasi fascia d'età. "Kiki - Consegne a domicilio" è uno di quei film d'animazione che potrebbe tranquillamente essere indirizzato ad un pubblico prevalentemente femminile, e adolescenziale - al netto del fatto che potrei non averne capito niente, il che è pure possibilissimo - anche se la protagonista più che problemi da adolescente sembra avere problemi di integrazione e di fiducia in se stessa, soprattutto dal momento in cui farà amicizia con Tombo, ma soprattutto il suo passaggio da ragazzina che sfrutta i suoi poteri a suo piacimento ad adulta che deve decidere che cosa fare con essi e come utilizzarli al meglio.
Ispirandosi ai personaggi delle serie televisive giapponesi, che vedono la stregoneria come unico mezzo per raggiungere i propri sogni, l'idea che ne è venuta fuori, ispirata anche da un romanzo di Eiko Kadono, è stata quella di ribaltare la situazione, mettendo al centro della vicenda una piccola strega che non può sempre usare i suoi poteri per uscire dai guai e ciò che ne è uscito non è certamente il miglior film d'animazione nè del regista nè dello studio cinematografico, soprattutto per quanto riguarda la trama e la narrazione, che risulta però graziosissimo e godibilissimo dall'inizio alla fine. Un film davvero carino insomma, che farà riflettere su diverse tematiche e che, grazie a dei disegni sempre bellissimi, risulta essere una visione affascinante e magica al punto giusto.

2 commenti:

  1. Noi l'abbiamo preso in DVD, per via di Miyazaki e per via del delizioso gattino nero :) Comunque film veramente delizioso!

    RispondiElimina
  2. 30 Anni? Eppure a me mi sembra siano passati 5 anni da quando lo vidi e lo adorai :D

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!