martedì 9 gennaio 2018

Baby Driver - Il genio della fuga di Edgar Wright (2017)

Regno Unito, USA 2017
Titolo Originale: Baby Driver
Regia: Edgar Wright
Sceneggiatura: Edgar Wright
Cast: Ansel Elgort, Kevin Spacey, Lily James, Jon Hamm, Jamie Foxx, Eiza González, Jon Bernthal, Flea, Paul Williams
Durata: 115 minuti
Genere: Azione, Commedia


Il ritardo con cui sono riuscito a vedere "Baby Driver", film da me attesissimo qualche mese fa in quanto apprezzo particolarmente Edgar Wright come regista e in quanto il trailer prometteva cose davvero enormi, è di proporzioni quasi bibliche. Ma sapete, spesso e volentieri nella vita di una persona subentrano cose che magari non prevedi e ti ritrovi, nel periodo dell'uscita del film al cinema, oberato di impegni e di lavoro, complice il ritorno dalle ferie che per me è avvenuto proprio in quei giorni. Ancora peggio poi quando prima di pubblicare la recensione passano le settimane, dato che le feste portano temporaneamente via la voglia di scrivere e che la prima settimana di Gennaio è stata interamente dedicata alle varie classifiche riepilogative del 2017, in cui tra l'altro "Baby Driver" ha ottenuto un buonissimo piazzamento nella mia classifica dei venti migliori film dello scorso anno. L'importante però è che il film sono riuscito a recuperarlo ed a rimanerne anche particolarmente soddisfatto, un po' come mi aspettavo.
Edgar Wright, già regista della cosiddetta "Trilogia del cornetto" - composta da "L'alba dei morti dementi", "Hot Fuzz" e "La fine del mondo" - e di "Scott Pilgrim vs. the World", è regista e sceneggiatore della storia di Baby, interpretato da Ansel Elgort, che possiede un enorme talento con le automobili e lo utilizza per attività criminali sotto gli ordini di Doc, boss che pianifica rapine interpretato da Kevin Spacey, che dopo lo scoppio dello scandalo sulle molestie sessuali non è stato cancellato dal film. Baby soffre di acufene, malattia che riesce a controllare ascoltando continuamente musica con i suoi auricolari, musica che utilizza anche per controllare i suoi movimenti con l'auto, spesso sincronizzati con essa. Nella vita privata si prende cura del padre paraplegico e muto ed è innamorato di Debora, cameriera interpretata da Lily James. Dopo che un membro della banda, chiamato Pazzo e interpretato da Jamie Foxx ha quasi mandato all'aria una rapina, Baby pensa di aver saldato definitivamente il debito con Doc, ma quest'ultimo ha un ultimo rapina da affidargli, minacciando di fare del male alla sua ragazza in caso di rifiuto.
Ancora una volta con "Baby Driver" il regista ci mostra sa il suo talento con la macchina da presa, sia la sua capacità, come sceneggiatore, di asservire la sua cifra stilistica alla storia narrata, piuttosto che il contrario. A fare la differenza in questa pellicola è la colonna sonora, quella stessa colonna sonora che accompagna continuamente la vita di Baby, che con essa è in simbiosi, sincronizzato in maniera totale ed è proprio la colonna sonora a dare al film il suo, particolarissimo, ritmo. Tutto, praticamente tutto, in questo film segue il ritmo di una canzone, così come il film stesso che alterna sapientemente momenti dal ritmo forsennato ad altri che si fermano un attimo, come quando viene messa al centro della vicenda la storia d'amore tra Baby e Debora. Per quanto la sceneggiatura sia abbastanza stringata, "Baby Driver" è stato sicuramente uno dei film meglio costruiti del 2017, geniale soprattutto dal punto di vista tecnico e con i vari personaggi, su tutti ho adorato veramente il protagonista Baby, ma anche Buddy interpretato da Jon Hamm e lo stesso Doc interpretato da Kevin Spacey, in grado di mettere spesso e volentieri la battuta giusta al momento giusto.

Voto: 8

8 commenti:

  1. A mani basse uno dei migliori film del 2017, perderà pure qualcosa nel secondo tempo, ma mi importa pochissimo, Wright rifà alla sua maniera Walter Hill e lo fa alla grande, ogni fanatico di musica dovrebbe vedere questo film ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Wright spacca i culi, la trilogia del cornetto è una delle mie saghe favorite, per non parlare, nello specifico, dei finali di "Hot Fuzz" e de "La fine del mondo", roba che mi sono messo in piedi sul divano a ululare. Lo guarderò sicuramente!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Intanto auguri! Vorrei offrirti la nostra offerta di prest... ehm no. Vorrei dirti che concordo con la tua recensione: Baby Driver è il film che mi ha più di ogni altro nel 2017 lasciato con il sorrisone da orecchio a orecchio :)

    RispondiElimina
  7. E' stato un gradito ritorno quello di Edgar Wright. Spero che continui così!

    RispondiElimina
  8. Siamo d'accordo, anche stavolta Edgar Wright ha fatto centro, e la colonna sonora è da urlo!

    https://vengonofuoridallefottutepareti.wordpress.com/2017/07/10/baby-driver-da-non-perdere/

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...