venerdì 11 maggio 2018

I segreti di Wind River di Taylor Sheridan (2017)


USA, Regno Unito, Canada 2017
Titolo Originale: Wind River
Regia: Taylor Sheridan
Sceneggiatura: Taylor Sheridan
Cast: Jeremy Renner, Elizabeth Olsen, Graham Greene, Hugh Dillon, Gil Birmingham, Kelsey Chow, Martin Sensmeier, Althea Sam, Julia Jones, Teo Briones, Tantoo Cardinal, Jon Bernthal, James Jordan, Matthew Del Negro, Austin Grant, Ian Bohen, Eric Lange, Tyler Laracca, Gerald Tokala Clifford
Durata: 111 minuti
Genere: Thriller, Drammatico


Dopo aver partecipato come attore in "Hell or High Water", ottimo western contemporaneo diretto da David Mackenzie, distribuito in Italia da Netflix e nominato all'Oscar come miglior film nel 2017, Taylor Sheridan ritorna, in veste di regista, per dirigere un altro esempio di western contemporaneo, con la sola differenza che all'ambientazione calda e sudaticcia del Texas se ne sostituisce una gelida e secca come quella di Wind River nel Wyoming. Terzo capitolo di un'ideale trilogia ideata dallo stesso Sheridan sulla moderna frontiera americana - lo precedono in successione "Sicario" di Denis Villeneuve (che a questo punto dovrò recuperare) e il già citato "Hell or High Water" -, si avvale della partecipazione, in qualità di protagonisti, di Jeremy Renner e della mia adoratissima, ancora più delle sue sorelle gemelle, Elizabeth Olsen.
Cory Lambert, interpretato da Jeremy Renner, è un cacciatore di predatori nella riserva indiana di Wind River che scopre nella neve il corpo di una diciottenne, Natalie Henson, senza scarpe, con un abbigliamento leggero e con l'inguine macchiato di sangue. Ad indagare sulla morte della ragazza viene inviata la detective dell'FBI Jane Banner, interpretata da Elizabeth Olsen, impreparata all'ambiente ostile del Wyoming. Essendo la ragazza morta di freddo per essere fuggita dai suoi aggressori, l'indagine non può essere per omicidio, motivo per cui la detective viene lasciata da sola, senza ricevere rinforzi. Con questa pellicola Taylor Sheridan dimostra ancora una volta, dopo l'ottimo "Hell or High Water", di essere un bravissimo sceneggiatore, in grado di dare ai suoi personaggi grande spessore, ma soprattutto di prendere il meglio, a livello di narrazione, dall'ambientazione di cui circonda i suoi personaggi nello scrivere la sua storia.
Se "I segreti di Wind River" - sponsorizzatissimo qui in Italia - non ha dalla sua una regia eccelsa, con Taylor Sheridan ancora inesperto dietro la macchina da presa, in grado però di capire quando non strafare e quando dare solidità alla sua regia, la vicenda, narrata con un ritmo piuttosto lento e riflessivo, riesce a coinvolgere lo spettatore soprattutto per quanto riguarda l'interesse verso la risoluzione del caso di non omicidio su cui è incentrata. Dal punto di vista emozionale la pellicola vive di alti e bassi: per quanto mi sia piaciuta moltissimo la parte in cui Cory rivela a Jane dettagli sul suo passato e su sua figlia, con Renner e la Olsen pazzeschi interpreti di quella scena, un po'più freddino e asettico mi è parso il flashback con cui tutta la vicenda viene risolta.
Con "I segreti di Wind River" ci troviamo comunque davanti ad un buonissimo film, in grado di mostrare ottime cose per quanto riguarda la sceneggiatura e di mostrare una buona solidità registica, per un quasi esordiente che non ha la smania di strafare. Le interpretazioni dei protagonisti sono di grande livello e mi ha sorpreso in positivo un Jeremy Renner che fino ad ora non mi aveva sempre convinto, mentre Elizabeth Olsen si conferma talentuosissima.

Voto: 7

2 commenti:

  1. Bello, sì, anche se meno di quanto avevo sentito dire in giro.

    RispondiElimina
  2. Film inaspettatamente struggente, mi aspettavo un thriller e fortunatamente ho avuto una splendida indagine dell'animo umano con degli attori bravissimi.

    RispondiElimina

Quando commentate ricordate che si sta pur sempre parlando di opinioni, quindi siate educati. Apprezzo sempre una punta di sarcasmo, sarò il primo a tentare di rispondervi a tono.

Non sono in cerca di prestiti ultravantaggiosi, ma sono ben disposto verso le donazioni spontanee!